Amministrative 2020. Facciolla ‘Pd e M5S fronte comune contro i sovranismi’

Il Segretario Regionale del Pd, Vittorino Facciolla, dopo la decisione del direttivo regionale di possibili alleanze con il M5S alla prossime amministrative, rafforza questo passaggio politico "Ci avviciniamo a grandi passi alla nuova tornata elettorale del 20 e 21 settembre che chiamerà alle urne i cittadini di 20 paesi molisani per la scelta dei nuovi sindaci. E’ un appuntamento importante come tutti quelli legati alla democrazia del nostro Paese. Il Partito Democratico, in seguito ad un periodo di valutazione ed un lungo lavoro di relazioni sul territorio, ha composto le liste dei candidati nell’ottica di una nuova apertura verso tutti coloro che condividono le linee programmatiche ed i valori del Partito. Questo ha portato in alcuni Comuni, alla convergenza con il Movimento Cinque Stelle che, per la prima volta, affianca il Partito Democratico e con questo ha deciso di fare squadra. Siamo consapevoli che si sta aprendo una nuova era politica - ha affermato Facciolla - un’era fatta di contenuti e concretezza. Dopo gli anni caratterizzati dall’odio, vuoto e fine a se stesso, utilizzato da alcune forze politiche come strumento di aggregazione e come slogan ‘acchiapavoti’, finalmente sembra ci siano i presupposti per una nuova politica, fatta di proposte, di programmi e di persone che intendono mettersi a disposizione delle loro comunità con consapevolezza e spirito di servizio. E’ importante sottolineare come il Movimento Cinque Stelle abbia compreso l’importanza di fare fronte comune per porre un argine a populismi, sovranismi e alle forze di estrema destra che rischiano di prendere troppo spazio nel nostro Paese e in Europa ed è così che si appresta a vivere questa nuova era politica scegliendo, non a caso, di affiancare il Partito Democratico, uno dei partiti più longevi attualmente sulla scena politica. Si tratta di un’adesione su base programmatica certamente favorita da una valutazione di natura politico-elettorale avanzata da entrambi i partiti nazionali, Pd e M5s. È evidente che per il Pd regionale portare un programma riformista ed innovativo crea un presupposto non derogabile per il quale, in questa fase, possiamo ritenerci soddisfatti. Da sempre votati al confronto e all’accoglienza noi del Partito Democratico non possiamo che essere soddisfatti di questa nuova collaborazione che, va da sé, porterà ad un nuovo periodo di lavoro, programmazione e pianificazione di idee, progetti e proposte per il nostro Molise”.