Il messaggio di solidarietà del sindaco di Campobasso al giornalista Enzo Luongo

Il Comune di Campobasso ha voluto mostrare vicinanza e solidarietà nei confronti del collega Enzo Luongo che è stato vittima di persecuzioni d'odio. Ecco le parole dell'amministrazione locale di cui ne fa a capo il sindaco:“Questa mattina, in diverse zone della nostra città, sono stati segnalati e fotografati striscioni che inneggiano all’odio per un uomo e un giornalista che ha subito questo trattamento e questa vera e propria gogna pubblica, per il solo motivo di essere stato presente in un luogo della città a documentare, come la sua professione richiede, un accadimento che, fra le altre cose, ha comportato l’intervento delle forze di polizia. Campobasso non può restare in silenzio dinanzi ad un atto del genere. L’Amministrazione comunale tutta rifugge da atteggiamenti che, oltre ad essere lesivi dell’immagine di un singolo professionista, sono lontani anni luce dallo spirito e dall’anima della nostra intera comunità cittadina. Ad Enzo Luongo, nonché alla testata di Telemolise, va la solidarietà non solo delle istituzioni, ma quella di tutta la città e, come è giusto che sia, toccherà agli organi preposti indagare in merito a quanto accaduto e accertare le responsabilità che emergeranno.”