Diritto alla tutela della salute, M5S di Termoli: "Si valutino le idoneità dei locali messi a disposizione per il servizio di continuità assistenziale"

La nostra Carta Costituzionale riconosce,​ il diritto alla tutela della salute come bene assolutamente primario tra tutti i diritti fondamentali. E' quanto dichiarato dal gruppo consiliare al Comune di Termoli del Movimento Cinque Stelle: "Possiamo ritenere che l'art. 32 della Costituzione, racchiuda una molteplicità di significati e contenuti, dal diritto all'integrità psico-fisica, al diritto alle prestazioni sanitarie, alle cure gratuite per gli indigenti, al diritto di​ vivere in un ambiente salubre, a non ricevere trattamenti sanitari se non quelli di carattere obbligatorio. Ciò postoo  e a seguito dei noti fatti che hanno interessato la postazione di guardia medica di Termoli​ di cui hanno dato notizia diverse testate giornalistiche,  nella data di ieri, giovedì 27 agosto, abbiamo provveduto ad inviare nota pec al Sindaco del Comune di Termoli, All'A.S.Re.M in p.l.r.p.t., Al Presidente della Regione Molise e alla Compagnia Carabinieri di Termoli​, affinchè ciascuno per la sua competenza, verifichi l’idoneità dei locali messi a disposizione per il servizio di continuità assistenziale (guardia medica) nel rispetto dei principi costituzionali, giuslavoristici, di igiene e sicurezza, nel precipuo interesse pubblico e qualora gli stessi non fossero ritenuti idonei, abbiamo chiesto di intervenire tempestivamente per garantire la continuità del servizio, in sicurezza e nel rispetto di tutte le norme anche igienico sanitarie, tenuto conto dell’attuale emergenza COVID 19".