Accadde Oggi 31 agosto - #almanacco

Il 31 agosto la Chiesa festeggia San Raimondo Nonnato

784 – Il patriarca di Costantinopoli, Paolo, è deposto dall’imperatrice Irene d’Atene, che lo sostituisce con Tarasio, un uomo di sua fiducia.
1056 – L’Imperatrice Bizantina Teodora muore senza figli, ponendo fine alla dinastia macedone.
1302 – Stipula della Pace di Caltabellotta tra Federico III di Sicilia e Carlo di Valois, capitano generale di Carlo II di Napoli
1864 – Guerra di secessione americana: Le forze dell’Unioneguidati dal generale William T. Sherman lanciano l’assalto ad Atlanta, Georgia, difeso dalle truppe confederate del generale John Bell Hood.
1888 – Jack lo Squartatore inizia a uccidere delle donne: Mary Ann Nicholls è la sua prima vittima trovata in Buck’s Row, a Londra.
1891 – Thomas Edison brevetta il kinetoscopio, strumento sviluppato da William Kennedy Laurie Dickson
1907 – Regno Unito, Russia e Francia formano la Triplice Intesa.
1920 – Il primo giornale radio viene trasmesso da Detroit (Michigan).
1939 – Truppe tedesche, travestite con delle divise polacche, attaccano la stazione radiofonica di Gleiwitz. Hitler usa questo finto attentato come pretesto con l’opinione pubblica per giustificare l’invasione della Polonia e quindi lo scoppio della seconda guerra mondiale.
1942 – L’SS tedesca, attua la prima deportazione degli ebrei (5000 circa) dal ghetto di Ternopil al campo di sterminio di Bełżec.
1943 – Bombardamento alleato su Pisa, provocando dai 900 ai 2000 morti e 2500 case distrutte.
1943 – Primo dei bombardamenti di Pescara
1945 – Viene fondato il primo Partito Liberale d’Australia, grazie a Robert Menzies.
1957 – La Malaysia ottiene l’indipendenza dal Regno Unito.
1958 – A Reims Ercole Baldini vince il Campionato del mondo di ciclismo su strada.
1962 – Trinidad e Tobago diventa indipendente.
1978 – I fondatori dell’Esercito di Liberazione Simbionese: William ed Emily Harris, vengono ritenuti colpevoli di aver rapito nel 1974 Patricia Hearst, erede di un impero editoriale.
1991 – Il Kirghizistan dichiara l’indipendenza dall’Unione Sovietica.
1994 – L’IRA dichiara la “completa cessazione di tutte le operazioni militari”, annuncio di pace rivelatosi poi non rispettato, con il riaprirsi del conflitto il 9 febbraio del 1996
1997 – Diana, Principessa del Galles, muore in un incidente stradale a Parigi.
1998 – La Corea del Nord lancia Kwangmyongsong, il suo primo satellite.
1999 – Il primo di una serie di attentati a Mosca uccide una persona e ne ferisce 40.
2006 – La polizia norvegese recupera i due quadri (L’Urlo e la Madonna) di Edvard Munch che erano stati rubati il 22 aprile 2004.
2016 – Brasile: la presidente Dilma Rousseff viene destituita per impeachment a seguito del voto in Senato.

Nati

Caligola

Carlo Sangalli, 

Luca Cordero di Montezemolo

Maria Montessori 

Enzo Iacchetti

Richard Gere

Morti

Charles Baudelaire

Carlo Maria Martini

Diana Spender

Oggi vi parleremo della morte della principessa Carla.

La morte di Diana Spencer avvenne nelle prime ore della notte di domenica 31 agosto 1997, in un incidente stradale avvenuto nella galleria che passa sotto il Ponte de l'Alma a Parigi.

Insieme alla Spencer morirono l'imprenditore Dodi Al-Fayed e il conducente dell'auto sulla quale viaggiava la coppia, Henri Paul; sulle cause dell'incidente sono state fatte numerose ipotesi e sono state operate delle vere e proprie speculazioni mediatiche su di un vasto complotto che vedrebbe i mandanti in alcuni membri della famiglia reale e attuatori i servizi segreti britannici (Secret Intelligence Service, detto anche MI6).

Sabato 30 agosto 1997, Diana lasciò la Sardegna a bordo di un jet privato e arrivò a Parigi insieme a Dodi. La coppia aveva trascorso gli ultimi nove giorni a bordo dello yacht Jonikal di proprietà del padre di Dodi, navigando lungo le coste dell'Italia e della Francia. I due dovevano rientrare a Londra ma decisero di fermarsi a Parigi per trascorrere lì una notte all'Hôtel Ritz, di proprietà della famiglia Fayed.

Resisi conto di essere stati avvistati dai paparazzi e prevedendo un loro imminente arrivo in massa nell'albergo, la coppia decise di lasciare l'hotel e trasferirsi in un appartamento in Rue Arsène Houssaye, sempre di proprietà del padre di Dodi. Il capo della sicurezza dell'albergo Henri Paul decise di accompagnarli guidando personalmente l'auto. Un'auto esca venne fatta uscire dall'ingresso principale, dove già una nutrita schiera di giornalisti aspettava mentre Diana e Dodi uscirono da un ingresso secondario all'incirca alle 00.20 del 31 agosto. Con loro c'era anche Trevor Rees-Jones, membro della squadra di sicurezza privata della famiglia Fayed.

Dopo aver lasciato rue Cambon e attraversato Place de la Concorde l'auto si diresse lungo Cours la Reine e Cours Albert per poi imboccare il tunnel di Place de l'Alma. Alle 00:23, all'ingresso del tunnel l'autista Henri Paul perse il controllo della vettura che sbandò e andò a sbattere contro il tredicesimo pilastro di sostegno del tunnel.

Mentre le vittime giacevano nell'auto incidentata i fotografi raggiunsero il luogo dello schianto, chiamando i soccorsi e cercando di aiutare le vittime, alcuni scattarono anche delle fotografie. In seguito all'arrivo dei soccorsi e delle forze dell'ordine i giornalisti furono allontanati.

I soccorritori constatarono subito che gli airbag della vettura avevano funzionato normalmente e che i passeggeri non indossavano le cinture di sicurezza. Dodi Al-Fayed, che sedeva nel sedile posteriore sinistro, sembrava morto al momento dell'impatto, così come Henri Paul. L'unico sopravvissuto, la guardia del corpo Rees-Jones, era ancora cosciente al momento dell'arrivo dei soccorsi, ma soffriva di gravissime lesioni al viso. Si poté constatare secondo le dichiarazioni dei fotografi che Diana era ancora viva, sebbene gravemente ferita, e mormorò diverse volte "Oh my God"; la trovarono distesa sul pavimento del veicolo, con la schiena rivolta verso terra, sanguinava dal naso e dalle orecchie. I presenti le dissero che i soccorsi stavano arrivando e di restare sveglia ma non ottennero risposta, solo battiti di ciglia.

I vigili del fuoco tentarono di rianimare Fayed ma alla fine fu dichiarato morto all'1:32 da un medico arrivato sulla scena. Paul e Fayed furono portati direttamente all'obitorio Institut Médico-Légal e non in ospedale. La causa del decesso fu individuata tramite autopsia e fu la medesima per entrambi: rottura dell'aorta e frattura della colonna vertebrale, nella zona cervicale per Fayed.

Diana fu rimossa dall'auto circa all'1:00, subendo un arresto cardiaco, in seguito alla rianimazione praticata sul posto il suo cuore riprese a battere; fu caricata all'1:18 su una ambulanza lasciando il luogo dell'incidente all'1:41 e arrivando all'ospedale Pitié-Salpêtrière alle 2:06. Nonostante i vari tentativi di salvarla le lesioni interne erano troppo estese, il cuore si era spostato nella parte destra del torace, danneggiando la vena polmonare e il pericardio. Fu dichiarata morta alle ore 4:00.

Anche Trevor Rees-Jones fu trasferito in ospedale, fu sottoposto a un intervento chirurgico di dieci ore e riuscì a sopravvivere, nonostante le gravi lesioni al viso.
Il 30 maggio 2017, venne annunciato che la macchina su cui Diana Spencer stava viaggiando era da rottamare due anni prima dell'incidente, ma invece di essere distrutta, fu riparata e, apparentemente, resa di nuovo utilizzabile.

L'inchiesta giudiziaria avviata dalla polizia francese ha respinto la volontà di Mohamed Al-Fayed sull'approfondimento di un possibile complotto e secondo alcuni è stata costretta alla costruzione di un'indagine superficiale, mentre un'indagine parallela della polizia metropolitana inglese, sotto il nome di operazione Paget, ha analizzato proprio l'argomentazione su possibili infiltrazioni nell'incidente. Entrambe le inchieste hanno concluso che l'incidente fu scaturito dalla malevola condotta di Henri Paul, il guidatore, il quale sotto uso di alcolici e psicofarmaci fu la causa scatenante dello schianto mortale. Secondo la versione ufficiale l'autista Henri Paul era ubriaco e nella fretta di seminare i paparazzi ha causato l'incidente. L'ingegner Mauro Balestra, esperto tecnico giudiziario svizzero, specializzato nella ricostruzione di incidenti stradali, utilizzando recenti e sofisticati programmi di calcolo, ha sgombrato il campo da alcune supposizioni avanzate dopo quella fatidica notte del 31 agosto.

La velocità della Mercedes S280 (di serie, non blindata) non poteva essere superiore a 150 km/h all'ingresso della curva dove la strada cambia pendenza e scende verso la galleria del Pont de l'Alma. Su questo concordano i calcoli del computer e l'esperienza diretta. Una velocità superiore infatti avrebbe impedito alla vettura d'imboccare la galleria, perché avrebbe sbandato prima, urtando il muro sulla destra. Secondo la ricostruzione al computer effettuata dall'ingegner Balestra, anzi, la vettura potrebbe essere arrivata sulla curva a una velocità prossima ai 110 km/h. Non sono poi così rari i parigini che tutti i giorni affrontano quel tratto di strada ad andature simili, anche se il limite in quel punto è di 70 km/h.

Un altro elemento è stato individuato con precisione: la S280 ha urtato il tredicesimo pilastro a 85–90 km/h. Non di più. È a questo punto che si delinea la prima, grave responsabilità di chi ha realizzato quelle infrastrutture stradali. Nonostante ogni giorno siano migliaia i parigini che percorrono quella galleria nei due sensi, i piloni non sono protetti né da guard rail, né da barriere di cemento. Non a caso, le tracce dell'incidente del 31 agosto si mescolano a quelle di tanti altri urti contro le pareti e i piloni da parte di meno famosi automobilisti.

All'origine della sbandata non controllata del guidatore (con elevato tasso alcolico nel sangue e tracce di psicofarmaci per la depressione riscontrati dagli esami medici c'è una Fiat Uno bianca proveniente dal controviale che confluisce nel corso Albert 1er, urtata di striscio dalla Mercedes. In quel tratto di strada la segnaletica è carente. Non indica alle vetture (come la Mercedes) che sopraggiungono veloci sulla strada a due corsie, che dalla destra s'immette una via con diritto di precedenza. Infatti in mancanza di altra indicazione, lo stretto controviale, immettendosi da destra, ha la precedenza.

Il fatto di non aver utilizzato la cintura di sicurezza (la guardia del corpo seduta accanto al guidatore era l'unico a indossarla e l'unico a essersi salvato) da parte dei due passeggeri dei sedili posteriori (Diana e Dodi) ha diminuito in maniera drastica le loro probabilità di salvezza. I due infatti erano seduti in una zona dell'abitacolo rimasta integra e l'impatto contro un ostacolo stretto come un pilastro ha sì causato ingenti deformazioni della vettura (pericolose, semmai, per chi sedeva davanti), ma ha anche limitato di molto le decelerazioni sui passeggeri posteriori.

Voci riguardanti un coinvolgimento dei Servizi Segreti Britannici nell'incidente sono incominciate a circolare dal 1998. Morti sospette susseguite nel tempo di persone più o meno collegate alla storia della morte di Lady D hanno dato credito a questa teoria, cui il più grande sostenitore è sempre stato Mohamed Al-Fayed, padre di Dodi.

Ulteriore prova di un loro serio coinvolgimento sarebbero le dichiarazioni dell'agente dismesso presso i loro servizi, Richard Tomlinson, che per l'indagine Paget dichiarò che l'incidente fu eseguito da alcuni agenti del MI6 che utilizzarono un raggio laser per accecare l'autista e farlo sbandare, ciò va a confermare le testimonianze di chi affermava di aver visto un forte bagliore subito prima dello schianto. La polizia francese eseguì un mandato di cattura per Tomlinson nel luglio 2006 per il suo diretto coinvolgimento nella morte di Diana.

Sull'onda della teoria che vede il MI6 complice dell'incidente, il mandante del progetto omicida sarebbe da ricercare nel principe Filippo di Edimburgo, personaggio di spicco in un complotto che lo vedrebbe artefice della tragedia e capo dei servizi segreti deviati. Il ritrovamento di una lettera scritta da Diana in persona alcuni mesi antecedenti la morte, in cui si spiega timorosamente la paura di venire uccisa tramite incidente stradale orchestrato dal suo ex marito Carlo, principe di Galles.

I motivi che avrebbero spinto la famiglia reale a uccidere la donna sono da riscontrarsi nella sua relazione segreta con Dodi Al-Fayed, di cui Diana sarebbe rimasta incinta; un figlio di origini arabe, che quindi sarebbe diventato fratellastro dell'erede al trono, avrebbe creato una situazione molto scomoda.

La prima morte sospetta collegata alla storia della Principessa non è inerente a quelle collegate all'incidente, ma è tuttora irrisolta. Si tratta della guardia del corpo Barry Mannakee, con il quale Diana ebbe una relazione a Kensington Palace. La guardia fu trasferita, e rimase successivamente vittima di un incidente in moto in Scozia nel maggio 1987.

Alla scomparsa di Diana Spencer seguono inoltre suicidi o incidenti di persone vicine alla defunta o al caso della sua morte: Il fotografo James Andanson viene trovato morto nel 2004 in un bosco, a seguito di un presunto suicidio, nelle campagne francesi di Montpellier. Alla sua morte fa seguito quella di Frederic Dard, lo scrittore al quale Andanson confidava d'esser stato presente con la sua Fiat Uno nel Tunnel de l'Alma.

In una lettera scritta pochi mesi prima del decesso e consegnata all'ex maggiordomo, la principessa accusa Carlo di volerla uccidere simulando un incidente d'auto. La missiva, a lungo ignorata, è stata acquisita dall'inchiesta in corso nel Regno Unito sulle cause della sua morte.