Le bugie del Presidente, Facciolla (Pd) : Toma ci sveli la sua strategia per i 518 lavoratori di pubblica utilità

Le bugie del Presidente, perché a Donato Toma piace raccontarle? E' la domanda che si è posto in un post il segretario del Pd Vittorino Facciolla-

"Questo non è dato saperlo - continua-  però un fatto è chiaro, il presidente racconta bugie e lo fa con una frequenza impressionante al punto che ci tocca creare uno spazio dedicato appositamente alle Bugie del Presidente. L’ultima in ordine cronologico? Quella relativa ai 518 lavoratori di utilità diffusa, le borse lavoro al servizio dei Comuni molisani non pagate da mesi.

In un mio intervento di qualche giorno fa denunciavo proprio il fatto che a causa della mancata trasmissione dei nominativi di questi lavoratori all’Inps (ente che avrebbe dovuto erogare gli stipendi) queste persone non hanno ricevuto alcun compenso fino ad oggi.
Alla mia sollecitazione il presidente ha risposto a mezzo stampa arrancando risposte e distribuendo colpe: prima ha detto che la responsabilità è dei sindaci che non hanno inviato i nominativi alla Regione, poi ha aggiunto che in realtà sono arrivati soltanto 69 nominativi, poi ha spiegato che la Regione ha trasmesso quei 69 nominativi al Sip (che altro non è che il sistema informatizzato dell'Inps) ed infine ha concluso dicendo ‘Adesso tocca all’Inps’. Ma sembra proprio che all’Inps non sia arrivato mai nulla dalla Regione Molise, nessun nominativo, neanche quei fatidici 69 su 518.
Non c’è alcun documento inviato dalla Regione ed a conferma di ciò farò formale accesso per dimostrarlo.

Bene Presidente, è tempo di smetterla con le bugie, noi molisani saremo sì un popolo semplice e genuino ma siamo sicuramente in grado di capire quando qualcuno ci prende in giro e lei, presidente, lo sta facendo già da troppo tempo".