Trentaduesima giornata della Poesia a Guardialfiera, la politica e le associazioni: senza cultura non si può promuovere il territorio

"La curiosità sarà anche un difetto, ma l'ozio è un vizio": Philippe Daverio. E' stato questo il filo conduttore della 32 esima giornata della poesia che si è svolta ieri a Guardialfiera al Sagrato Piano dei Santi durante la mattinata e a Palazzo Mons Conedera il pomeriggio, a causa di un forte vento che ha interessato la zona. Non poteva che essere Guardialfiera,  il cui paesaggio da solo con l'incantevole veduta sulla Diga è una poesia naturale, il luogo più adatto per celebrare i versi dei molisani e non e il gemellaggio culturale tra Bassomolise e Altomolise, rappresentato in maniera egregia dal Comune e dalla pro loco di Pietrabbondante, che hanno donato la panchina della poesia. Sulla quale gli attori Edoardo Siravo e Gabriella Casali hanno letto aforismi sull'amore. Organizzatori dell'evento, insieme ai due Comuni e al centro studi di Guardialfiera e alla Fondazione Molise Cultura anche i Borghi d'Eccellenza di Maurizio Varriano. Moliseweb come testata  giornalistica che presta attenzione alla cultura, ha partecipato organizzando il Concorso "Aforisticamente" e premiando i dodici più belli e significativi. 

A Guardialfiera sono intervenuti anche personaggi di spicco della politica molisana. Tra questi l'onorevole di Italia Viva Giuseppina Occhionero, la deputata della XVII legislatura Laura Venittelli e l'ex consigliere regionale Nico Romagnuolo. E' stato proprio Maurizio Varriano, in un post dedicato, a illustare l'importanza di quanto avvenuto ieri.

"Nella condivisione di un percorso che da 32 anni vive di sola Poesia, il legame tra il Molise e la Campania è sempre più forte - ha sottolineato-  Questo grazie agli amici di Eboli che capeggiati da Peppe Barra non hanno mai, fatto venir meno la loro indissolubile amicizia. Onorato di essere " Ebolitano " d'adozione. Grazie a Filomena Domini che per motivi strettamente personali non era con noi fisicamente ma, sicuro che i pensieri non hanno potuto far a meno di essere li, svolazzanti sul Lago ed a rimirar e donar bellezza, a tutti gli amici di Salerno, Avellino, Eboli, ai vincitori della rassegna " Aforisticamente ", ad Antonio Nicotra, ad Antonella Presutti, mai così incisiva e decisamente affascinante nel proporci un Ungaretti diverso, Francesca Carnevale che ormai è decisamente dei nostri, Marilena Ferrante, determinante sempre Antonietta Aida Caruso.   che vive e ci fa vivere i suoi disegni vivi e pieni di poesia, Giuseppina Occhionero per il suo bell'intervento, Laura Venittelli , unica, presente, motore indistruttibile, l'Amministrazione Comunale di Guardialfiera tutta con a capo Vincenzo Tozzi, l'amministrazione di Pietrabbondante con a capo un sindaco che " esce dai propri confini ", l'infaticabile Proloco di Pietrabbondante, i miei fratelli minori, di cui davvero bisognerebbe parlare per ore e solo per dir loro che sono unici, Maria Carmela Mugnano, scoperta e subito paladina, Antonio Mucciaccio che non ha davvero eguali, Letizia Bindi per la sua presenza anche se in video, ma non ha voluto mancare, ai fedeli Michell e Nicola per il suono perfetto e la pazienza, a Serafino ed il Casale di Clesilde, per i quali non ci son parole, a Nicola Troilo, alle Forze dell'Ordine ed a tutti gli operatori che ci hanno supportato nella sicurezza e nell'essere attenti alle regole imposte dal Covid, a Lucia, Rocco, ed a tutti gli amici e soci del Centro Studi Molise, a Rosanna Palazzo   per la sua indefessa disponibilità, ad Antonio Vincelli per la sua forza vitale nel raccontarci un Casacalendese doc come Giovanni Cerri, gli amici intervenuti da Casacalenda, Nico Romagnuolo, Mario Gagliardi in primis, a tutti i Guardiesi o Guardioli che siano e non per ultimi ma ultimi perché fondamentali, Moliseweb, una delle mie belle famiglie, rappresentato mirabilmente da Viviana Pizzi e da Antonio De Luca, Lino Rufo, Edoardo Siravo, Gabriella Casali, Vincenzo Di Sabato e Giannino Di Risio, per loro non ho più parole ma pensieri. Un ringraziamento a chi ci ha ospitato sulla terrazza del Molise, don Antonio ed a Carmela Minotti, che ci ha coccolati con delizie ed attenzioni. Se non avessi avuto parole, avrei parlato con il cuore, se avessi parlato con il cuore, avrei detto tutto con il silenzio. Non me ne voglian se qualcuno sarà fuggito dallo scritto ma, davvero ogni singolo attore è li scritto indelebile nelle pietre parlanti di una Guardia senza limiti di tempo". 

Incisivo anche l'intervento in merito della deputata Occhionero che così ha commentato la manifestazione e ha ringraziato per essere stata coinvolta: "Grazie a Guardialfiera, al sindaco Vincenzo Tozzi, al Centro Studi, alla Fondazione Molise Cultura, alle artisti e agli artisti, ovviamente all'amico Maurizio Varriano,  per l'occasione che mi è stata data. Abbiamo celebrato la poesia, il potere della cultura per puntare sul rinascimento delle competenze, per creare l'opportunità di crescita anche economica. Oggi che il nostro Paese soffre per gli effetti del Covid_19 investire sulla cultura è un'esigenza". 

L'onorevole  Venittelli ha sottolineato quanto per lei è stato importante, negli anni in cui è stata deputata, valorizzare la cultura del Molise che è pieno di paesi da valorizzare tutti i giorni, non soltanto quando qualche influencer se ne ricorda. Il Molise è bello e per questo esiste ha sottolineato. Noi di Moliseweb aggiungiamo che il Molise esiste al di fuori dei suoi confini solo se viene valorizzata la cultura. E così che si deve continuare a fare. (Redazione cultura) 


Photo Gallery Trentaduesima giornata della poesia