"Donne in campo", ecco il bonus a sostegno delle imprenditrici agricole 

Si tratta di mutui agevolati concessi da Ismea in attuazione degli  strumenti di rilancio delle attività in emergenza Covid. Misura che riguarda anche le coltivatrici dirette e le società al femminile, l'assessorato regionale all'Agricoltura sottolinea: "Ottima opportunità per innovare e far crescere il settore in Molise" 

 Oggi le donne ricoprono un ruolo sempre più da protagoniste nel mondo agricolo, contribuendo a rinnovare e reinventare un settore che ha assoluto bisogno di adattarsi alle sfide del futuro.  L'assessorato regionale all'Agricoltura rende noto a tal proposito che esistono nuove e importanti opportunità a favore delle imprenditrici agricole, delle coltivatrici dirette e delle società composte al femminile per più della metà dei soci e delle quote di partecipazione. 

Si tratta del bonus 'Donne in campo' attuato da Ismea, ovvero l'Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare del ministero delle Politiche agricole.  Per i beneficiari mutui a tasso zero (fino a 300mila euro) da restituire in un minimo di 5 anni e un massimo di 15. 

I finanziamenti andranno a coprire fino al 95% delle spese ritenute ammissibili. Spese che possono riguardare il miglioramento del rendimento dell’azienda, per una sua maggiore sostenibilità (attraverso la riduzione dei costi di produzione o la riconversione delle attività agricole), il miglioramento delle condizioni agronomiche e ambientali, di quelle igieniche e del benessere animale, ma anche la realizzazione di infrastrutture utili allo sviluppo, all’adeguamento e alla modernizzazione dell’azienda stessa.  Grazie al mutuo sarà anche possibile finanziare l’acquisto di terreni, ma solo per un 10% sul totale dell’investimento. Tutti i dettagli in merito alla presentazione delle domande e all'erogazione del fondo si possono consultare sul portale online www.ismea.it