Accadde Oggi 14 ottobre - #almanacco

La Chiesa oggi 14 ottobre festeggia San Callisto I , Papa

1586 – Maria Stuarda va sotto processo per cospirazione contro la regina Elisabetta I d’Inghilterra.
1758 – Guerra dei sette anni: L’Austria sconfigge il Regno di Prussia nella battaglia di Hochkirch.
1806 – Battaglia di Jena: La Grande Armata, guidata da Napoleone Bonaparte, sconfigge l’esercito prussiano.
1898 – La nave a vapore SS Mohegan affonda, vicino alle coste della Cornovaglia, dopo aver impattato con le Manacles; muoiono 106 persone
1926 – Il libro per ragazzi Winnie the Pooh, di A. A. Milne, viene pubblicato per la prima volta.
1939 – Il sommergibile tedesco U-47 affonda la corazzata britannica HMS Royal Oak nel porto di Scapa Flow, in Scozia..
1944 – Seconda guerra mondiale: dopo essergli stata data la scelta tra un processo pubblico per tradimento, con una fucilazione certa, e il suicidio con onore, il Feldmaresciallo tedesco Erwin Rommel si toglie la vita.
1947 – Chuck Yeager fa volare un Bell X-1 più veloce della velocità del suono.
1960 – Il candidato alla presidenza statunitense John F. Kennedy suggerisce per la prima volta l’idea dei Corpi della Pace.
1962 – Inizia la crisi dei missili di Cuba: un aereo-spia U-2 vola sopra Cuba, prendendo foto di installazioni sovietiche per missili nucleari.
1964 – Il capo del Movimento americano per i diritti civili, Martin Luther King, diventa il più giovane vincitore del Premio Nobel per la pace, che gli venne assegnato per la guida della resistenza non-violenta alla fine del pregiudizio razziale negli Stati Uniti.
1966 – La città di Montréal inaugura il suo sistema di metropolitana (si veda: Metropolitana di Montréal).
1968 – Guerra del Vietnam: il Dipartimento della Difesa statunitense annuncia che l’esercito statunitense e i Marines rispediranno circa 24.000 soldati in Vietnam per un secondo servizio non volontario.
Giochi della XIX Olimpiade: Jim Hines diventa il primo uomo ad abbattere la barriera dei 10 secondi sui 100 metri piani, con un tempo di 9″95 secondi.
1979 – La prima marcia per i diritti gay negli Stati Uniti si svolge a Washington, con la partecipazione di decine di migliaia di persone.
1980 – Per le vie di Torino si compie la Marcia dei quarantamila.
1981 – Il Vice Presidente Hosni Mubarak viene eletto Presidente dell’Egitto, una settimana dopo l’assassinio di Anwar Sadat.
1996 – Esondazione del fiume Esaro, che causa l’alluvione di Crotone e sei morti
2007 – Nasce il Partito Democratico italiano.
2012 – Felix Baumgartner si lancia nel vuoto dall’altezza di 39.045 metri
2017 – Atterra a Sant’Elena il primo volo commerciale, determinando la fine dell’isolamento di uno dei luoghi fino a quel momento più inaccessibili del pianeta

Nati 

Hannah Arendt (1906) – Filosofa tedesca
Edward Estlin Cummings (1894) – Poeta, scrittore e drammaturgo statunitense
Dwight Eisenhower (1890) – 34° Presidente degli Stati Uniti d’America
Ferdinando VII di Spagna (1784) – Monarca spagnolo
Beatrice Lorenzin (1971) – Politica italiana
Katherine Mansfield (1888) – Scrittrice neozelandese
Giovan Battista Marino (1569) – Poeta e scrittore italiano
Roger Moore (1927) – Attore inglese
Winnie the Pooh (1926) – Orsacchiotto della letteratura per ragazzi

Morti

Leonard Bernstein (1990) – Compositore e direttore d’orchestra statunitense
Erwin Rommel (1944) – Comandante militare tedesco

Per la gioia di piccini e più grandi oggi festeggiamo la nascita di Winnie the Pooh.

Winnie the Pooh è un personaggio immaginario protagonista di una omonima serie di romanzi per ragazzi ideata da Alan Alexander Milne. Inizialmente tradotto con il nome italianizzato Ninni Puf, è anche noto come Winnie Puh, Winny-Puh, Winny Puh, Winnie Pooh e Winnie-the-Pooh (con trattini). Dalla serie di romanzi vennero tratte trasposizioni cinematografiche e televisive e il personaggio, insieme ai vari comprimari della serie, divenne protagonista di un vasto merchandising

Il personaggio, un orsacchiotto antropomorfo, esordì in un racconto pubblicato da Milne nell'edizione natalizia del London Evening News; in seguito divenne l'episodio iniziale del romanzo omonimo del 1926; altri episodi furono raccontati via radio. Il successo dell'iniziativa fu tale che Milne fu spinto a raccogliere i racconti migliori per realizzarne un romanzo per bambini, Winnie Puh, che venne pubblicato nel 1926, riscuotendo molto successo di pubblico e di critica. Seguirono poi nel 1927 la raccolta di poesie Winnie the Pooh. Ora abbiamo sei anni (Now We Are Six) e poi, nel 1928, il secondo romanzo della serie, La strada di Puh (The House at Pooh Corner). Tutte le storie di Winnie scritte da Milne furono illustrate da Ernest H. Shepard, che per ispirarsi frequentò per qualche tempo la casa di Milne, avendo modo di osservare i pupazzi di Christopher Robin e il boschetto vicino alla casa (divenuto, nel romanzo, il Bosco dei Cento Acri).

Nel 1929 Milne vendette i diritti sui personaggi ideati a Stephen Slesinger e, nel 1961, alla Walt Disney, che fece del personaggio il protagonista di una serie di cartoni animati, inizialmente adattando le storie originali di Milne e in seguito creandone di nuove. La caratterizzazione del personaggio della Disney deriva da quello delle illustrazioni di Shepard, ma i tratti sono semplificati. La Disney produsse anche merchandising sia nello stile dei cartoni animati che in quello di Shepard (etichettato come "Classic Pooh"). Divenne così una delle principali icone dell'universo di Disney e uno dei suoi personaggi più redditizi.

Le storie del personaggio sono state tradotte in numerose lingue, tra cui il latino, a opera di Alexander LenardWinnie ille Pu (1958) che divenne nel 1960 il primo best seller fra i libri in lingua straniera nella classifica del New York Times.

I pupazzi originali di Christopher (Winnie the Pooh, Tigro, Ih-Oh, Cangu e Pimpi), a cui Milne si ispirò per creare i suoi racconti, sono esposti nella biblioteca pubblica di New York. Fino al 2008 sono rimasti negli edifici del Donnell Library Center, dopodiché (a causa della chiusura di questa struttura), sono stati spostati presso il complesso centrale (Stephen A. Schwarzman Building). 

Winnie Pooh è un orsacchiotto di pezza che impegnato principalmente a mangiare miele e comporre poesie; vive in una vecchia quercia e sulla sua porta è affisso un cartello con scritto "Mr. Sanders" (o meglio la più comune versione storpiata "Mr. Sanderz"); sebbene Winnie non risulti affatto chiamarsi "Sanders", Milne osserva che Pooh abita "sotto il nome di Sanders".

Il nome del personaggio deriva da quello di un orsacchiotto di pezza di Christopher, figlio di Milne. In principio, l'orsacchiotto di Christopher era chiamato "Edward" (nome a cui fa riferimento anche l'incipit del libro). In seguito, Christopher fu portato dal padre a visitare lo zoo di Londra, dove si trovava in quel periodo "Winnipeg", una cucciola d'orso che un ufficiale veterinario canadese di nome Colebourn aveva acquistato durante la prima guerra mondiale e poi donato allo zoo. L'animale era diventato rapidamente il beniamino dei bambini londinesi ed era stato ribattezzato "Winnie"; Christopher Robin si entusiasmò a tal punto per quel cucciolo che volle tornare numerose volte allo zoo e alla fine ribattezzò Winnie il proprio orsacchiotto. Milne iniziò allora a raccontare al figlio fiabe della buonanotte che vedevano Winnie protagonista. Da queste fiabe ebbe origine il nucleo di narrazioni su cui poi Milne basò la propria fortunata opera.

Il nome Pooh, invece, sarebbe il nome di un cigno incontrato da Christopher in un'altra occasione. Nel primo capitolo di "Winnie-the-Pooh" Milne spiega perché Winnie the Pooh è spesso chiamato semplicemente "Pooh":

«Ma le sue braccia erano così rigide... stavano dritte per aria per più di una settimana, e ogni volta che una mosca arrivava e si metteva sul suo naso doveva soffiarla via. E penso – ma non sono sicuro – che è per quello che è chiamato Pooh»

(A.A. Milne, Winnie Puh, cap. I)

Il significato dell'articolo "the" fra i due nomi (per cui il nome completo risulta essere "Winnie il Pooh") è una curiosità linguistica su cui Milne scherza, senza dare reali spiegazioni, nel primo libro di Pooh.

Gli altri pupazzi di Christopher stimolarono la fantasia di Milne e ben presto il mondo di Winnie si popolò di nuovi amici: Ih-Oh l'asinello, Pimpi il maialino, Tigro la tigre saltellante, la mamma-canguro Kanga e il suo piccolo Ro. Il coniglio Tappo e il gufo Uffa esistevano invece solo nella fantasia di Christopher e del padre, mentre il castoro De Castor è un personaggio completamente inventato da Walt Disney. Il fatto che Winnie Pooh sia un giocattolo animato non viene mai menzionato esplicitamente nei lavori di Milne, ma risulta evidente dalle illustrazioni originali di Ernest Howard Shepard (che lo ritraggono con la forma tipica dell'orsacchiotto di pezza, con tanto di cuciture) e dal rapporto particolare che lega Pooh e Christopher.

  • Il Bosco dei Cento Acri compare nel quarto capitolo del libro di Milne Winnie Puh ove lo scrittore racconta del bosco di circa 40 ettari, che si trova al centro della foresta in cui abita il saggio Gufo (per la Disney "Uffa"). Nell'universo Disney, il Bosco dei Cento Acri diventa il luogo ove si svolgono tutte le avventure di Winnie the Pooh e dei suoi amici, di cui si ha una mappa disegnata dal disegnatore E. H. Shepard per il libro di Milne, che compare in versione bambinesca in alcuni film della Disney su Winnie Pooh.
  • Foresta di Ashdown