"S. Giovanni Bosco" d'Isernia: prolungata la chiusura e attivata la Didattica A Distanza fino a lunedì

di Cinzia Venditti

ISERNIA- E' iniziato tutto domenica 4 ottobre, quando un'alunna dell'Istituto Cuoco è risultata positiva al tampone per il Covid-19 e dopo di lei anche il fidanzato. Dopo una settimana, sabato 10 ottobre, la volta della scuola media più grande del capoluogo, "Andrea" di Isernia, facente parte dell'Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco", dove è stato trovato un altro studente positivo, insieme ad un'insegnante e alla collaboratrice della segreteria, ubicata su Corso Garibaldi. Da qui l'inizio della trafila di ragazzi, docenti e collaboratori che si sono recati presso l'ex Ospedale "SS. Rosario di Venafro" per effettuare il tampone. Attesa, ansia, paura, per chi già era provato da uno struggente lutto cittadino. Tre giorni di fuoco in cui alcuni hanno potuto tirare un sospiro di sollievo "negativo", altri no. Inizialmente, la decisione del sindaco, Giacomo D'Apollonio, insieme alla direzione didattica dell'"Andrea" di Isernia, è stata di chiudere il polo della segreteria e l'istituto fino a giovedì 15 ottobre, ovvero domani, data in cui si sarebbe ripartiti ma con dieci classi a casa, per cui attivata prontamente la Didattica Digitale Integrata. A causa del riscontro di ulteriori casi di contagio da COVID-19, riguardanti sia allievi che insegnanti appartenenti alla medesima struttura scolastica, e dell'attesa di conoscere i risultati di numerosi altri tamponi prelevati  (che saranno disponibili verosimilmente nei prossimi giorni) e del programma di altri test della specie, si è deliberato il prolungamento della chiusura dell'istituzione scolastica fino a lunedì 19 ottobre compreso e la conseguente DAD per tutte le classi. 

Positivo anche un alunno della scuola primaria allocata presso l’edificio denominato “Edificio Colorato” e, quindi, ai fini della massima prevenzione, prorogata la sospensione dell'attività didattica in presenza presso l'intera "San Giovanni Bosco".

Chiuso oggi per la sanificazione, il Liceo Cuoco, salvo evoluzioni dell'ultima ora, invece riapre domani, con una classe che farà Didattica a distanza.

Chiusa anche una classe della scuola dell’infanzia della Giovanni XXIII. 

La situazione a Isernia è soggetta a continui sviluppi.