Wikimedia, Intervista al Professor Napolitano: "É importante veicolare la cultura sul territorio molisano"

Ho avuto il privilegio di intervistare il Professore di Relazioni internazionali e di Diplomazia dell’Università degli studi del Molise, Matteo Luigi Napolitano, in quanto ospite speciale al convegno indetto da “Wikimedia Italia” avvenuto all’Hotel San Giorgio il 10 ottobre riguardante la diffusione e la partecipazione attiva degli utenti alle conoscenze nelle enciclopedie di internet.

-Professore, le iniziative culturali tramite internet che importanza hanno al giorno d’oggi?

“Adesso abbiamo una generazione di nati digitali. E’ quindi importante veicolare la cultura anche attraverso internet. Questo, in qualche modo, facilita e allo stesso tempo complica il lavoro dei docenti; è del resto vero che, essendo questo un mondo pieno di informazioni, occorre qualcuno capace di declinarle, aiutando le giovani generazioni a interpretare il presente e il passato, correggendo eventuali errori informativi, che purtroppo (come sappiamo, vivendo un’epoca di fake news) si trovano anche su internet.”

-Come deve essere il ruolo di un professore universitario per quanto riguarda la gestione della cultura?

“Il ruolo è essenzialmente quello di aiutare i giovani, renderli autonomi nella gestione della cultura come accade nelle università. Sono infatti proprio le università il luogo che dovrebbe unire i docenti e gli studenti, supportando quest’ultimi e incoraggiandoli nel loro cammino in modo da consentir loro di trovare la propria strada imparando dalle loro esperienze.”

-L’Unimol cosa può dare per il Molise e il Molise cosa può dare all’Unimol?

“L’Unimol ha un vantaggio enorme, quello di essere il veicolo per eccellenza di cultura accademica nella Regione. Un’università regionale può capire meglio di altre le istanze del territorio. Questo ci da parecchie responsabilità per mantenere i contatti con le istituzioni culturali, sociali ed economiche molisane e per far comprendere capire bene cosa fa l’università. Io credo che sia abbastanza importante veicolare la cultura sul territorio molisano, e come docente di Unimol, di un’università regionale, avverto il peso di una grande responsabilità in tal senso. Responsabilità che è ben chiara sia all’ateneo, sia ai miei colleghi, oltre che a me”.

Di Simone d’Ilio