Caso Giada Vitale: Don Marino Genova in carcere a Rebibbia

Don Marino Genova, condannato a 4 anni e 10 mesi per le violenze sessuali su Giada Vitale per gli episodi dai 13 ai 14 anni, non è più un uomo libero. Grazie alla condanna, diventata ormai definitiva, è stato trasferito nel carcere romano di Rebibbia. La giustizia ordinaria ha quindi avuto la meglio ed è stata applicata la condanna di Corte di Cassazione emessa il 23 settembre scorso. Una ulteriore notizia che rende giustizia alla vittima, la cui vita è stata distrutta da quegli episodi che poi si sono perpetrati anche dai 14 ai 17 anni. Ma per i quali il tribunale di Larino dispose l'archiviazione, in quanto fu sostenuto che la ragazza avrebbe potuto esprimere un qualsivoglia consenso. 

L'uomo dovrà scontare la sua pena in carcere anche se poi ci potrebbero essere benefici carcerari che potrebbero vederlo fuori prima dei 4 anni e10 mesi di reclusione.