Anm, tra le elette la molisana Roberta D'Onofrio

Anche  giudici molisani nella nuova composizione dell'Anm, il sindacato delle toghe italiane.  Tra gli eletti, la magistrata Roberta D'Onofrio  nata a Agnone figlia  dell'avvocato Ugo D'Onofrio originario di Capracotta e la docente  Asseneta Sammartino, agnonese. La magistrata D'Onofrio candidata con la lista Unicost (Unità per la costituzione) è stata eletta con 209 voti. Attualmente lavora presso il Tribunale di Campobasso, assegnata alla Sezione Penale e svolge le funzioni di giudice monocratico, dibattimentale, componente della Corte di Assise e del Tribunale per il riesame, giudice tutelare e della volontaria giurisdizione sia monocratica (famiglia, successioni, impresa) che collegiale.

Dal 2017 è formatore decentrato della Scuola Superiore della Magistratura, molto stretto è il suo rapporto con l’Università degli Studi del Molise dove a maggio 2018 ha organizzato il primo corso corso territoriale -in materia di colpa stradale- per conto della Scuola Superiore della Magistratura. Le motivazioni della sua candidatura come da lei dichiarato

"per offrire in maniera disinteressata un contributo al rinnovamento anche nel mio piccolo, per rispondere al moto interiore di mettermi ‘in gioco’ in un momento segnato da una forte crisi di credibilità delle istituzioni giudiziarie, cercando di contribuire a dare nuovo slancio culturale al Gruppo di Unità per la Costituzione, i cui valori di terzietà, moderazione, equilibrio, non collateralismo, fedeltà ai principi sanciti dalla Costituzione formale ed evolutivamente incarnati in quella materiale devono ispirare l’esercizio quotidiano della giurisdizione in senso non ideologico e non corporativo"