Emergenza Covid 19, Scarabeo: "Realizzare senza perdere altro tempo il centro covid a Larino"

L'emergenza Covid sta mettendo in ginocchio quel che resta della sanità pubblica molisana. Il quadro che sta emergendo in queste ore è drammatico. Il sistema ospedaliero e quello territoriale sono messi a dura prova per carenza di personale (medici, infermieri e oss) e per una gestione improvvisata e non coordinata dell'emergenza da parte della Regione e dei vertici Asrem. E' quanto dichiara Massimiliano Scarabeo: "Pronto soccorso presi d'assalto dai pazienti con sintomi da Coronavirus o da chi pensa di aver contratto il virus. Stiamo assistendo ad un congestionamento delle attività in tutti i reparti. Mancano percorsi interni ospedalieri adeguati per separare gli ambienti e il personale a contatto con i contagiati. Non si riesce a gestire con efficienza l'enorme mole di lavoro causata dalla pandemia. Con la curva dei contagi che continua a salire sempre più rapidamente, rischiamo una catastrofe. Toma e Florenzano, ognuno per le relative competenze, hanno remato contro la riapertura del Vietri di Larino, a dimostrazione che non c’è stata la volontà vera di difendere e tutelare la salute dei molisani. Tutto questo, nonostante il Consiglio regionale si fosse espresso positivamente sulla riapertura del Vietri come Centro Covid Regionale. La scelta del presidente della Giunta regionale, di remare contro la volontà del Consiglio, è stata del tutto irresponsabile. Quello che temevo si è puntualmente verificato. E a nulla sono valsi gli appelli per realizzare il Centro Covid a Larino. E' a rischio il diritto alla salute dei molisani, con particolare riferimento alle categorie più fragili. Invito tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione a unire le forze per poter affrontare, con tutti i mezzi a disposizione, questo nemico invisibile. Siamo ancora in tempo, ma occorre una risposta unitaria forte per il bene del Molise e dei molisani".