Cambio al vertice dell'Esercito in Molise: Colonnello Maltese alla guida dell’Ufficio Affari Territoriali “Molise”

CAMPOBASSO, 30 ottobre 2020. Presso la Caserma “Gen. G. Pepe” di Campobasso, il Colonnello Giuseppe Maltese è subentrato al Colonnello Fulvio Amoriello alla guida dell’Ufficio Affari Territoriali e Presidiari “Molise”. Presente in videoconferenza il Comandante Militare Esercito “ABRUZZO MOLISE” Colonnello Marco Iovinelli.

Nel messaggio di commiato, rivolto al proprio personale, il Col. Amoriello, quale ultimo Comandante del Comando Militare Esercito “Molise”, ha espresso "gratitudine e soddisfazione per il delicato lavoro svolto di riconfigurazione del Comando Molisano, mantenendo nel contempo inalterate le capacità di espletamento dei compiti istituzionali sul territorio".

Il riferimento è alla trasformazione del comando territoriale dell’Esercito in Molise, che ha cambiato denominazione e dipendenze. Dal 31 dicembre 2019, a seguito dei provvedimenti legislativi concernenti la riorganizzazione della componente territoriale dell’Esercito Italiano, è stato soppresso il Comando Militare Esercito “MOLISE” e contestualmente costituito, nella stessa sede, l’Ufficio Affari Territoriale e Presidiari Molise alle dipendenze del riconfigurato Comando Militare Esercito “ABRUZZO-MOLISE”, con sede in L’Aquila, che ha assunto competenze interregionali.

La trasformazione non ha mutato i compiti che l’Esercito svolge sul territorio, mantenendo tutte quelle attività di consulenza, informazione e promozione rivolte ai cittadini. Parimenti non ha mutato le attività presidiarie e di rappresentanza sul territorio regionale, normalmente svolte in occasione delle varie ricorrenze.

Il Col. Maltese, originario della provincia di Benevento, proviene dalla Brigata bersaglieri “Garibaldi”. Ha assolto numerosi incarichi di comando in Italia e all'estero partecipando a operazioni sul territorio nazionale in soccorso alle popolazioni e in concorso alle forze di Polizia e a missioni internazionali in Bosnia, Kosovo, Iraq, Afghanistan e Libano.