Nuovo dpcm: Boccia "misure restrittive automatiche", a rischio il Molise con RT al 1.86

Concluso il vertice tra l’esecutivo e i rappresentanti di Regioni, province e Comuni. Il ministro Speranza: Dpcm con misure nazionali e territoriali. Boccia: con Rt sopra soglia interventi scattano in automatico. La richiesta dei sindaci: chiusure pianificate in base al rischio.

In base ai dati contenuti nel monitoraggio settimanale del Ministero della Salute-Iss, relativo alla settimana 19-25 ottobre 2020 Piemonte e Lombardia hanno superato la soglia dell'Rt 2, sono rispettivamente a 2.16 e 2.09. La provincia autonoma di Bolzano è vicina al 2 (1.96). Hanno superato la soglia dell'Rt 1.5 la Valle d'Aosta (1.89), il Molise (1.86), l'Umbria (1.67), la Calabria (1.66), la Puglia (1.65), l'Emilia Romagna (1.63), la Liguria (1.54)e il Lazio (1.51). Provincia Autonoma di Trento Rt (1.5) e Friuli Venezia Giulia sono a 1.5. Mentre in Campania l'Rt è poco al di sotto, a 1.49.

Boccia: con Rt sopra soglia misure scattano in automatico. Il ministro Boccia avrebbe quindi chiarito a governatori e sindaci che un’ulteriore stretta scatterebbe in automatico con i contagi al di sopra delle soglie d’allarme. «Il documento dell'Istituto superiore di sanità (Iss) e il sistema di monitoraggio che abbiamo condiviso con scienziati e Regioni ha una serie di ipotesi che devono scattare automaticamente. Se un Rt (indice di contagiosità, ndr) supera un certo livello .- oggi ci sono 11 Regioni oltre 1,5 e 2 Regioni oltre 2 -, allora alcune misure già previste dal piano che abbiamo condiviso e aggiornato insieme devono scattare in automatico».