Giovani e Coronavirus, in tempi di pandemia la priorità è l’aperitivo

La situazione emergenziale sta mettendo ko molte attività e, tra le più colpite, abbiamo bar e ristoranti costretti a chiudere alle 18. Nonostante il numero di contagi, in continuo aumento, i giovani non si fermano e la priorità, durante la pandemia, sembrerebbe l'aperitivo.

Ormai, da qualche mese, abbiamo dovuto rivoluzionare quasi ogni aspetto della nostra esistenza e, i rapporti interpersonali sono venuti meno, se non virtualmente. Tra molti c'è la paura perenne, per altri il COVID è una grande presa in giro ed altri ancora sfidano il virus a suon di assembramenti.

Sono diverse infatti le segnalazioni che arrivano, soprattutto nella zona di via Garibaldi nei pressi di un noto locale dove, a quanto pare, si notano assembramenti (non più della notte per ovvi motivi). La situazione, come descritta da alcuni residenti della zona, va avanti dalla riapertura post-lockdown. Musica ed assembramenti hanno costretto i residenti della zona a chiamare ripetutamente le forze dell'ordine. 

Sembrerebbe che già in passato siano arrivate sanzioni ma, nonostante ciò, la situazione non sembra cambiare e la storia ripetersi. Un comportamento spiacente, in un momento così delicato della nostra esistenza, che ci auguriamo muti al più presto.