Vertenza Atm, lavoratori e sindacati in Prefettura il 15 dicembre

In relazione alla richiesta formulata in data 4 dicembre scorso dalle Organizzazioni Sindacali in indirizzo, inviata per conoscenza anche al Presidente e all'Assessore ai Trasporti della Regione Molise nonchè alla Societa A.T.M. S.p.A., fissato per it 15 dicembre 2020 alle ore 10.00 un incontro per l'espletamento della procedura conciliativa in oggetto indicata it cui svolgimento, the potrebbe essere registrato, deve essere tenuto, nel rispetto delle misure emanate per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, in videoconferenza, collegandosi al link: https://call.lifesizecloud.com16803491 Codice: 79516# - attivo dalla mattinata della stessa giornata del 15 dicembre. 

Queste le motivazioni dell'incontro.
“Le relazioni industriali con l’impresa ATM SPA sono state da sempre ben lontane da quel sistema strutturato in livelli di partecipazione, in organismi paritetici, in fasi informative e negoziali, in assetti contrattuali e in corrette procedure relazionali che avrebbero dovuto contrassegnare un’azienda di trasporto pubblico locale che applica quel Contratto Collettivo Nazionale degli autoferrotranvieri i cui presupposti attengono, non a caso, proprio il sistema delle relazioni industriali e i diritti sindacali”. “Tale situazione che costituisce una triste eccezione soprattutto se riferita al panorama delle aziende strutturate e che operano in contesti regionali ed extraregionali, si è particolarmente acuita nel corso dell'emergenza pandemica e nella quale sono emerse le continue violazioni delle disposizioni impartite dai DPCM e dalle Ordinanze Regionali concernenti gli interventi aziendali per il contrasto e il contenimento del virus covid-19, a cominciare dalle disposizioni inerenti l’igienizzazione, la sanificazione, la disinfezione dei mezzi di trasporto e dei locali aziendali”. “Inoltre, il ricorso durante la stessa fase pandemica agli ammortizzatori sociali da parte dell'impresa, senza peraltro prevedere e riconoscere al personale misure di integrazione salariale piuttosto che forme di anticipazione delle prestazioni erogate dall'Inps, ha accentuato e non di poco quello stato di disagio e di difficoltà economica con il quale i dipendenti della società Atm, stanno convivendo da tantissimi anni, addirittura un ventennio e che li vede costretti, nella migliore delle ipotesi, ad adire per le vie legali per vedersi riconoscere il diritto contrattuale ad essere puntualmente retribuiti dall'azienda presso cui lavorano e che peraltro, beneficia di ingenti risorse pubbliche”. “Fatte queste premesse, le scriventi Organizzazioni Sindacali elencano sinteticamente i seguenti argomenti che costituiscono in maniera non esaustiva, le motivazioni e le ragioni della procedura in oggetto: ” • MANCATA APPLICAZIONE DEL CCNL (A.N. 28/11/2015) o Art. 1 - Relazioni industriali o Art. 4 - Contrattazione di 2° livello e riconoscimento premio di risultato o Art. 30 - Disciplina trasferte e altri trattamenti per attività fuori residenza.