Gestione anomala dei fondi europei: Iorio non sta con Toma ma con il partenariato 

Gestione anomala dei fondi europei: basta con l'inadeguatezza politica, io sto con il partenariato 


E’ la prima volta nella storia del Molise che il partenariato sociale e datoriale disertano il tavolo di concertazione dei fondi europei. Non è invece la prima volta che il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Michele Iorio si schiera apertamente contro il presidente della Regione Donato Toma, provvedendo di fatto a creare una minoranza all'interno della maggioranza ma non mettendo mai veramente in discussione la tenuta politica della Giunta di centrodestra. 

"Cgil, Cisl, Uil, Casartigiani, Confcommercio, tutte le associazioni dell’Artigianato, Confesercenti, l’Associazione dei Costruttori, quella degli Agricoltori e Confindustria- si legge nella nota di Iorio-  tutti uniti per non partecipare al Comitato di sorveglianza di cui tali associazioni sono componenti di diritto avendo il dovere di vigilare sull’attuazione del programma europeo e quindi sulla spesa dei fondi europei. 
Le motivazioni della loro assenza, poi, sono parole che tuonano in maniera seria sull’attuazione del programma e che la dicono lunga sulla gestione qualitativa dei fondi stessi. Se a questo si aggiungono le critiche già espresse da più parti in Consiglio regionale, sempre  al presidente Toma e alle decisioni autonome che prende in materia, è chiaro che il quadro della politica regionale ha già superato la soglia d’allarme. 
Resto meravigliato poi dal silenzio dei rappresentanti del governo nazionale  e della Commissione europea di fronte ad un’azione tanto eclatante che evidenzia in maniera palese la gestione anomala del settore “fondi europei”. 
Mi meraviglia il silenzio degli assessori della giunta regionale che dovrebbero porsi il problema di dove ci sta portando questa politica. 
Non mi meraviglia invece il dispiacere che esprime il presidente della Regione per l’accaduto, un dispiacere che colpisce Donato Toma abbastanza spesso: una volta è dispiaciuto per i sindaci dei 136 comuni molisani che scrivono del loro mancato coinvolgimento alle scelte strategiche della pandemia, un'altra volta si dice dispiaciuto per i sindacati dei medici che denunciano le condizioni lavorative e la mancanza diorganizzazione nella gestione Covid. Ora è la volta del dispiacere per la mancata partecipazione del partenariato al tavolo di concertazione. 
Di fronte a questo stato di cose, i sentimenti di un presidente interessano poco ai fini istituzionali.
Tutte le associazioni hanno manifestato un disagio e un disappunto che non si risolve con il dispiacere, ma con la correzione degli atteggiamenti finora adottati che hanno ben poco a che fare con la politica e che stanno portando il Molise in una situazione comatosa che sarà difficile da recuperar
e".