Campobasso – Notaresco 4 - 1

Campobasso sontuoso: poker di Cogliati al Notaresco e testa del girone riconquistata

Fonte immagine di copertina: SS Campobasso Calcio
di Marco Bruni
Dopo una lunga attesa i lupi tornano a disputare una gara e lo fa nel migliore dei modi, tra le mura amiche, annichilendo il Noteresco con un perentorio 4-1 che porta la firma in calce del “professor” Pietro Cogliati, autore di un poker fenomenale supportato dall’immancabile estro di Vittorio Esposito in grande spolvero.
Le preoccupazioni della vigilia legate alla precaria preparazione atletica degli uomini di mister Cudini sono state sfatate da una prestazione impeccabile durata ben oltre novanta minuti e che ha dimostrato, al contrario, uno stato di forma eccellente nonostante il lungo stop forzato.
La formazione abruzzese, considerata la vera antagonista del Campobasso, è affondata sotto i colpi di un Campobasso che ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per poter portare a casa la vittoria finale.
I padroni di casa si rendono pericolosi fin dai primi minuti di gara creando numerose occasioni e mettendo in seria difficoltà la difesa del Notaresco. Al quarto d’ora Cogliati lancia in porta il compagno di reparto Vitali che viene atterrato da Colobatti interrompendo, da ultimo uomo, una chiara azione da rete. Il direttore di gara estrae l’inevitabile cartellino rosso ai danni del difensore ospite che abbandona il campo lasciando i propri compagni in inferiorità numerica per gran parte del match.
I molisani prendono ulteriore coraggio e continuano a spingere conquistando al minuto 24 una punizione dalla tre quarti di campo. Ad incaricarsi della battuta è il talentuoso Esposito che chiama uno schema per Cogliati il quale si fa trovare pronto a raccogliere il preciso assist e a depositare in rete la palla che vale il vantaggio.
Gli uomini di mister Epifani, nonostante la situazione di svantaggio e con un uomo in meno, non demordono e cercano di reagire fine alla fine della prima frazione di gioco quando Menna è costretto ad atterrare Dos Santos in piena area di rigore e costringendo il direttore di gara ad assegnare la massima punizione in favore degli abruzzesi. Banegas si incarica della battuta e, con freddezza, spiazza Raccichini realizzando l’insperato pareggio proprio sul finire di primo tempo.
Nella seconda frazione di gioco il Campobasso rimette subito le carte in regola e, dopo appena due minuti, è ancora un assist di Esposito ad illuminare Cogliati che, lanciato a rete trafigge, con un diagonale, l’incolpevole Shiba.
La strada, per il Campobasso, sembra ormai in discesa ma il clima in campo comincia a surriscaldare gli animi di alcuni giocatori che, complici alcune scelte discutibili del direttore di gara, si rendono protagonisti di alcuni diversi di nervosismo da parte di entrambe le formazioni.
Al minuto 53, dopo l’ennesimo cartellino giallo sventolato ai danni dei giocatori locali mister Cudini alza la voce dalla panchina e il direttore di gara estrae il rosso diretto lasciando i lupi senza guida tecnica.
Nonostante l’episodio i molisani continuano nel loro gioco ma al 67’ si assiste ad un altro episodio alquanto opinabile. Vitali si libera di un difensore ed entra in area di rigore dove viene atterrato. Per l’arbitro è simulazione e l’attaccante, già ammonito, viene sanzionato per la seconda volta con conseguente invitabile espulsione.
La parità numerica in campo viene dunque ristabilita ma quello che sembrava essere un vantaggio per gli ospiti si è trasformato, di lì a pochi minuti, in un micidiale fervore agonistico che finirà per annientare definitivamente l’ormai ex capolista.
Al minuto 74, infatti, Cogliati fa tripletta agganciando un difficile pallone all’interno dell’area di rigore per poi depositarlo sotto la traversa.
Appena sette minuti più tardi il “professore” decide di esagerare trovando addirittura il poker grazie all’ennesimo assist di Esposito.
Una prestazione sontuosa dei rossoblù molisani che mette il punto esclamativo su una stagione fin qui disputata con numeri fantascientifici: in sei gare i lupi hanno conquistato ben cinque vittorie ed un pareggio segnando 18 reti ed incassandone appena 2. Un cammino che non può far altro che ben sperare per il prosieguo del campionato che vedrà il Campobasso impegnato domenica prossima, 20 dicembre, in quel di Castelnuovo Vomano.