Cenone e divieti: ecco la guida utile per un Natale rispettoso delle regole anticovid

 

Ecco cosa prevede il nuovo decreto (non è un DPCM):
�� il 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre 2020, e l’1, 2, 3, 5 e 6 gennaio tutta Italia sarà ZONA ROSSA:
�� Quindi i negozi al dettaglio sono chiusi, bar e ristoranti sono chiusi (ma si può prendere cibo da asporto fino alle 22, e ordinare a domicilio). Non si può uscire di casa (se non per motivi di lavoro, salute o necessità). Ma:
⚠️ Sarà consentito uscire di casa per trovare parenti e amici se:
Le persone che si spostano non sono più di due, senza contare figli minori di 14 anni o persone disabili o non autosufficienti conviventi; una sola volta al giorno; verso una sola abitazione e sempre all’interno della stessa regione (rispettando gli orari del coprifuoco: 5-22)
�� Il 28, 29, 30 dicembre e il 4 gennaio l’Italia sarà invece ZONA ARANCIONE:
�� I negozi sono aperti; bar e ristoranti sono chiusi (ma si può prendere cibo da asporto fino alle 22, e ordinare a domicilio); saranno consentiti solo gli spostamenti tra comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi comuni. È vietato comunque recarsi nel capoluogo di provincia. Si può uscire da un Comune se la popolazione non supera i 5.000 abitanti e se il Comune dove ci si vuole spostare non è più lontano di 30 chilometri e non è un capoluogo di provincia.
��Sono già previsti ristori per le attività che resteranno chiuse per un totale di 645 milioni di euro.