Sostegno a piccole, medie imprese molisane, M5S: "Gli aiuti estesi anche ad altre categorie"

Si è svolta  questa mattina la conferenza stampa del Movimento Cinque Stelle del Molise, davanti a Palazzo D'Aimmo. Presenti il consigliere Valerio Fontana, Angelo Primiani e il capogruppo Andrea Greco. 
A prendere la parola per primo è il consigliere Valerio Fontana: "Vogliamo illustrarvi la nostra prossima azione in consiglio regionale,che riguarda una misura intrapresa dal Presidente Toma relativamente a quelle azioni di sostegno verso le imprese della nostra regione. Sto parlando dell’ex Click day, e di quanto sia stato criticato da tutti, dalle associazioni di categoria, dallo stesso ordine dei commercialisti. Ha avuto una iniqua distribuzione di risorse a nostro avviso. Oggi, con la delibera del 15 dicembre sono stati stanziati nuovi fondi, circa 24 milioni per una misura che rappresenta una seconda trance di aiuti a fondo perduto che serve a queste imprese. Il criterio del click day è stato abbandonato, ma la ripartizione si basa su un solo criterio: il reddito imponibile crescente. Tale criterio per noi – ha continuato Fontana – non ha nessuna logica perché non è detto che l’azienda con il reddito imponibile minore sia quella che ne abbia più bisogno. Per questo, noi chiediamo che tali criteri vengano rivisti, possibilmente prima che il bando sia pubblicato”.

“Ripeto – ha dichiarato il consigliere Angelo Primiani - che questa conferenza stampa è propositiva e di proposta e non vogliamo denunciare, siamo qui a proporre con l’auspicio che il Presidente Toma questa volta ci ascolti. Il Presidente Toma ha proposto una nuova delibera di giunta, che però siamo convinti che contenga alcuni vizi, degli aspetti che possono essere migliorati. Secondo noi questi fondi devono essere erogati innanzitutto, un criterio principale: la riduzione del fatturato. I fondi vanno erogati in base alla percentuale di calo del fatturato che si è registrato in proporzione all’anno precedente. Successivamente, il reddito d’impresa, così come previsto. Una categoria che ha sofferto particolarmente durante il lockdown ed è quella degli autisti del noleggio con conducente che non sono equiparabili al trasporto pubblico locale ma effettuato il trasporto pubblico non di linea. Nonostante sia loro stato concesso di rimanere aperti secondo le disposizioni del governo, hanno sofferto un calo del fatturato dovuto al calo netto del turismo. E a loro va dato un sostegno concreto, si parla di 60-70 società in tutto il Molise".

In ultimo Andrea Greco: “Per quanto riguarda i trasporti, se ne occupano le regioni, e che sulle regioni bisognava premere assolutamente per stringere delle convenzioni con gli NCC, con chi si occupa di turismo proprio per garantire il trasporto dei nostri giovani a scuola”. Relativamente al rinvio del consiglio regionale che si svolgere domani, Greco dichiara: “Il consiglio è saltato perché la maggioranza non ha più i numeri per tenersi all’impiedi. La scorsa volta sono stati approvati degli atti che però, il Presidente in aula ci dice di aver ragione ma poi non fa cose consequenziali agli atti approvati. Chiediamo a voi, organi dell'informazione a darci voce, perchè a noi in consiglio non ci danno ascolto".