Isernia, controlli e sicurezza: il lavoro della Polizia di Stato

In un momento in cui a tutti i cittadini è richiesto un forte senso di responsabilità e coscienza nel seguire le regole anti contagio, per trascorrere le Festività Natalizie nell’ambito di una ristretta cerchia familiare, numerosi poliziotti sono in servizio in questi giorni nella città di Isernia e nell’intera provincia, per garantire il rispetto dei recenti divieti.
Il piano del dispositivo di sicurezza è stato coordinato, in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, dalla Prefettura di Isernia e vede in campo, oltre alla Polizia di Stato, ai Carabinieri e alla Guardia di Finanza anche i Comandi delle Polizie Municipali dei Comuni del territorio. 
La Questura, in sede dei tavoli tecnici operativi tenutisi con le altre FF.OO., ha preventivamente individuato alcuni snodi strategici della viabilità provinciale, che sono presidiati già da oggi, 24 dicembre, prima data che vede in vigore la “zona rossa” sul territorio nazionale. I presidi hanno lo scopo di evitare che agli automobilisti che vi transiteranno per ragioni di necessità, lavoro, salute (o comunque secondo le consentite deroghe del recente DL 172/2020) si aggiungano automobilisti non autorizzati. Non saranno quindi ammesse violazioni al divieto di raggiungere un comune diverso da quello di residenza, al di là di quanto già previsto dal DPCM.
Durante i controlli, le Forze dell’Ordine saranno anche supportate dalle pattuglie della Specialità della Polizia Stradale che forniranno un importante contributo con posti di controllo da realizzare negli snodi stradali principali di ingresso ed uscita dalla città, ove gli automobilisti saranno tenuti a mostrare le autocertificazioni.
Numerose altresì le attività commerciali controllate: nei giorni scorsi un locale del centro cittadino è stato sanzionato dalla Polizia ai sensi dell’art.1 DPCM 3/12/2020 e art. 4DL 19/2020 per aver protratto l’orario di apertura e un secondo locale per assembramento degli avventori.I controlli non tralasceranno gli abituali compiti di “istituto” legati alla sicurezza pubblica e alla prevenzione dei reati predatori cui, ogni anno, durante le festività natalizie, la Questura rivolge particolare attenzione: i servizi saranno garantiti dagli equipaggi delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, dall’Arma dei Carabinieri e da agenti in “borghese” della Squadra Mobile e della Digos, dispiegati lungo le principali vie cittadine, anche attraverso 1’ impiego dei Poliziotti di Quartiere. 
Tra le altre finalità ci sono, come sempre, anche il contrasto alla criminalità diffusa, la prevenzione e la repressione delle forme di illegalità da strada compresa la vendita di artifizi pirotecnici non autorizzati. Infatti da sempre, uno dei fronti aperti dalla Polizia di Stato durante il periodo natalizio è quello della prevenzione degli incidenti causati da un uso improprio dei “botti” di fine anno e della repressione del commercio di artifizi vietati. Allo scopo, una mirata attività di prevenzione programmata dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha già avviato da diverse settimane mirati servizi di controllo, avvalendosi di personale della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura, in particolare, nei confronti di rivendite armi ed esplosivi dell’intera provincia oltre che nei mercati di quartiere, ove possono attivarsi commerci abusivi di tali prodotti.