Vaccini, dosi al termine. Florenzano: abbiamo conservato le dosi di scorta per i secondi richiami

Da ormai qualche giorno l'Asrem non comunica più ufficialmente il numero dei vaccinati in Molise. La preoccupazione di questa testata era: si saranno fermati? E di questo ne abbiamo chiesto conto al direttore generale Oreste Florenzano, che dal 27 dicembre (data del V Day in tutta Italia ndr) ha seguito personalmente tutto l'iter in Regione.

"Abbiamo conservato le scorte per fare la seconda dose - ha dichiarato il direttore generale a Moliseweb- ed abbiamo fatto bene visto i ritardi delle forniture annunciati". 

Questi sono quindi i risultati dell'annunciato calo di vaccini che la casa farmaceutica Pfizer ha annunciato in tutta Europa. Intanto dal fronte governativo proprio i ministri Boccia e Speranza hanno annunciato azioni legali contro la casa farmaceutica. 

"Azioni legali urgenti concordate perché - sostiene  il responsabile degli Affari Regionali in una dichiarazione a Repubblica -  pretendiamo chiarezza e rispetto per il nostro paese sugli accordi europei presi. Anche se siamo primi in europa nella somministrazione del vaccino, abbiamo la necessità di chiarezza sulle distribuzioni settimanali senza più riduzioni unilaterali senza preavviso".

Nello stesso tempo
- aggiunge Boccia - è necessario consentire alle regioni un accordo di solidarietà per garantire i richiami a tutti".

Questo ulteriore ritardo blocca su scala nazionale, non solo molisana quindi, il piano vaccinale. Potrebbero quindi slittare anche le dosi previste per gli ultraottantenni che vivono fuori dalle Rsa. Che secondo un primo piano erano state programmate già a febbraio.

Intanto il dato nazionale presente sul sito del governo italiano attesta che in Molise sono stati somministrati 6577 vaccini su 11165 col 58,9% delle disponibilità. A livello nazionale le dosi sono 1250903. (Vivpiz)