RT più alto d'Italia ma il Molise in zona gialla, Fanelli: "Perché? si faccia chiarezza"

L’RT del Molise sulle montagne russe. Tra una settimana e un’altra passa dall’essere il più alto d’Italia a quello più basso, per poi tornare in vetta alla classifica e ottenere nuovamente un primato negativo. E' quanto dichiara il consigliere regionale del Partito Democratico, Micaela Fanelli: "Come è mai possibile? È da tempo ormai che, senza ottenere risposta, a Toma e Florenzano chiediamo di fare chiarezza, con elementi tecnici, sui dati che la nostra regione trasmette. E oggi mi trovo costretta a presentare un nuovo accesso agli atti, mentre come Gruppo PD in Consiglio regionale stiamo protocollando una nuova interrogazione urgente. Il tutto per capire. Per sapere. Continuiamo infatti a essere increduli, preoccupati in modo particolare per quanto sta accadendo all’ospedale Cardarelli e, soprattutto, intendiamo conoscere in che modo la nostra regione sta comunicando i numeri dell’epidemia ai fini della classificazione (giallo/arancione/rosso). Su questo pretendiamo risposte chiare e formali. In Molise i decessi continuiamo ad aumentare. Di giorno in giorno piangiamo nuove vittime. Solo ieri, l’ultimo bollettino Asrem, ha contato 4 decessi. 3 dei quali avvenuti nel reparto di Malattie infettive. E anche la corsa del contagio non frena, con circa 100 positivi registrati negli ultimi due giorni. Non possiamo più rinviare risposte ai tanti dubbi che abbiamo e che, in modo particolare, hanno i molisani. Vogliamo risposte. E le pretendiamo anche per quello che riguarda i posti letto di rianimazione. Al presidente Toma chiediamo infatti di chiarire in Aula, una volta per tutte, le cause dell'alta variabilità dell'Rt e la questione della percentuale dei posti letto occupati sul totale di quelli disponibili in Terapia intensiva che determina il cosiddetto parametro della 'pressione' e, in particolare, se vengono conteggiati i posti letto di terapia intensiva dei privati, allo stato non convenzionati per ‘uso Covid’. È davvero arrivato il momento di fornire spiegazioni. Di rispondere in modo chiaro ed esaustivo - conclude Fanelli - non solo a chi fa domande per capire come il Molise stia affrontando l’emergenza, ma ai molisani tutti che, da mesi, si interrogano. Invano".