Giustini indagato dalla Procura "Sono stato chiamato dalla Procura e ci sono andato- ha dichiarato Giustini alle nostre telecamere all'uscita del consiglio regionale - adesso vedremo che accade".

DIRETTA

"Stop Animal Crimes" denuncia il sindaco di Montenero Valcocchiara: tutela animale orfana delle istituzioni

«L'altro ieri sera un'auto ha travolto un cavallo uccidendolo. - dichiara in una nota l'associazione animalista "Stop Animal Crimes", riguardo l'incidente accaduto giovedì 27 gennaio sulla provinciale per Montenero Val Cocchiara, dove unnesemplare della specie protetta del Cavallo Pentro è stato investito da un'auto e, infine, abbattuto - L’ennesimo episodio di una vicenda che il nostro Movimento sta denunciando da tempo, quello relativo centinaia di cavalli Pentri teoricamente di proprietà di allevatori che hanno percepito e percepiscono fondi europei destinati a questa razza e che, nell’indifferenza apparente del Comune di Montenero Val Cocchiara, continuano a vagare liberi senza custodia, invadendo strade e proprietà, brucando quel che resta dell’erba congelata, senza la cura di chi dovrebbe occuparsene, esposti anche a recinzioni fatiscenti e pericolose allestite grossolanamente con filo spinato e materiali di risulta, spesso diventando i cavalli più debilitati preda di lupi se non proprio della fame, morendo di qua e di là.

Abbiamo deciso di denunciare il Sindaco, responsabile per legge degli animali del suo territorio e per non aver ad oggi adottato misure efficaci contro la continua dispersione di animali incustoditi, esponendo gli animali stessi e i cittadini a pericolo, altresì per capire per quale ragioni non abbia ancora assunto provvedimenti circa la chiusura dei pascoli prevista già per novembre, chiedendo verifiche sulle stalle dichiarate che hanno ricevuto migliaia di euro e relativi requisiti, ma quelli effettivi e non dichiarati sulle richieste di erogazione fondi.

In attesa dell’intervento delle Autorità Giudiziaria e Amministrative, gli animali continuano ad essere potenziali vittime di un sistema economico imprenditoriale politico e, purtroppo, anche giudiziario, che spesso in tema di osservanza delle leggi in materia di tutela degli animali non ha azione deterrente. La sensazione è addirittura quella di vedere due mondi diversi, uno per noi illecito e da fermare subito e l’altro lecito da tollerare.

E allora, nel dubbio, abbiamo chiesto l’intervento delle Autorità Ministeriali e prefettizie, quale ultima spiaggia dove la tutela degli animali non sia una chimera ma una certezza più forte del disinteresse e degli interessi.»