Intervista alla Consigliera regionale Aida Romagnuolo: dimiettiamoci tutti

DIRETTA

Vaccini, il Molise non è ancora pronto per gli ultraottantenni: in ritardo rispetto alle altre regioni

di Viviana Pizzi 


Nella giornata di oggi verrà ridefinito il piano vaccinale. In molte regioni si sono già organizzati per i primi richiami destinati agli ultraottantenni.  In Molise, come ormai emerge da tutti i quotidiani nazionali, non esiste nessuna data di inizio per gli anziani, mentre infuria la polemica sui presunti 947 vaccinati tra cui anche qualche esponente politico. Dall'Asrem stanno ancora verificando ma non ci sono ancora comunicazioni ufficiali in merito. Il fatto certo per ora è che per l'ennesima volta il Molise è indietro rispetto alle altre regioni e con molta probabilità il vaccino di massa potrebbe arrivare con mesi di ritardo rispetto al resto del Paese. Questo quando abbiamo ancora Campomarino in zona rossa con oltre 140 casi di contagio e Sant'Elia a Pianisi appena tornata in giallo ma con numerose restrizioni. Ma non solo. Anche focolai di Covid in diverse Rsa tra cui anche quella di Ferrazzano. 

Vediamo ora la situazione nelle altre regioni italiane a confronto con la nostra. In Valle D'Aosta la vaccinazione per gli ultraottantenni parte l'8 febbraio. In Piemonte il v day anziani è slittato a fine mese. In Lombardia il 25-26 marzo. In Trentino Alto Adige medici e sanitari obiettori hanno già ceduto le loro dosi agli ultraottantenni. In Veneto si parte a metà febbraio come anche in Friuli Venezia Giulia. In Emilia Romagna non c'è una data ufficiale ma si parla di una riunione per decidere il piano entro venerdì 5 febbraio. In Liguria si parte a metà febbraio mentre in Toscana non c'è ancora una data ufficiale anche se c'è intenzione di partire a metà febbraio. Niente date come in Molise anche nelle Marche mentre in Umbria si parte l'8 febbraio per gli anziani fuori dalle case di riposo,. 

Nel Lazio  le prenotazioni online sono partite oggi, dopo un disguido tecnico che ha mandato in tilt la piattaforma e continua a dare problemi. Nei primi 7 minuti risultano 2.200 prenotati, ha fatto sapere l’Unità di crisi per la gestione dell’emergenza. Da questa mattina è operativo anche il numero telefonico 06.164.161.841 che è stato potenziato con oltre 200 linee in contemporanea e rispondono circa 300 operatori. Al momento sono state già eseguite 1.600 prenotazioni telefoniche. Le iniezioni partiranno dall’8 febbraio. In Abruzzo le prenotazioni sono già aperte e si chiuderanno il 28 febbraio, ma non c’è ancora una data ufficiale per l’inizio della somministrazione.

In Campania si parte con gli over 80 tra il 10 e il 15 febbraio e le prenotazioni sono partite sabato 30 gennaio. Tutto congelato in Basilicata a causa del ritardo dei vaccini, mentre in Puglia si parte l'8 febbraio. In Sicilia si parte a fine febbraio mentre non si hanno notizie di Calabria e Sardegna

 

.