"Giuro sul mio onore che non mi sono vaccinato". Così il presidente della Regione Donato Toma ha aperto con una informativa la seduta del Consiglio Regionale di oggi, il primo in presenza ma senza ancora pubblico. Ha risposto così alle notizie social diffuse in queste ultime ore su cui ci sono 947 vaccinati che non ne avevano diritto.

"Mi vaccinerò- ha concluso al termine dell'informativa- ma quando mi toccherà farlo, l'onore e la responsabilità delle istituzioni è anche questa, chiedo a tutti i consiglieri di fare lo stesso"

La consigliera regionale Aida Romagnuolo, che ha chiesto l'iscrizione della sua interrogazione in consiglio regionale, ha sottolineato nel suo intervento che le irregolarità riguarderebbero le somministrazioni all'ospedale San Timoteo di Termoli. Giura di non essersi vaccinata sull'onore dei molisani. A giurare anche i consiglieri regionale Vincenzo Niro e Angelo Primiani che chiede insieme a Romagnuolo a chi sono state somministrate le dosi.  Più complesso l'intervento della consigliera Micaela Fanelli del Pd che sottolinea però di appoggiare Toma sulla battaglia regionale dei vaccini. Ma sulla questione del giuramento sostiene che non bastano i giuramenti ma che occorre da parte del presidente della Regione effettuare una verifica di quanto accaduto.

"Presenteremo una interrogazione a fine seduta- ha sostenuto Fanelli- per chiedere l'elenco dei vaccinati. Non è il giuramento che fa l'uomo ma l'uomo che fa il giuramento. Non ci deve chiedere di giurare ma dirci come sono andate le cose". 


L'informativa di Toma non ha toccato  soltanto la questione vaccini ma anche la sanità più in generale con in particolare anche l'adeguamento sismico degli ospedali. 

"Ad oggi abbiamo una copertura integrale della prima fase dei vaccinati - ha continuato Toma in aula- ieri sono arrivate anche le 300 dosi di Moderna. Il piano consegne vaccini, che è stato stabilito dal Commissario Straordinario Domenico Arcuri- ha deciso le date e la quantità di dosi che verranno destinate al Molise. Lo hanno fatto in base all'intera popolazione ma io non sono d'accordo. Ho chiesto che vengano rimodulate in base alla percentuale delle persone anziane per tutelare 26mila molisani".

Secondo Toma con l'attuale piano si potrebbero avvantaggiare regioni più giovani come la Campania. Non è possibile decidere un piano preciso delle vaccinazioni perchè Astra Zeneca ha sottolineato di inviare vaccini in tutte le regioni ma non ha mai stabilito quanti ne invierà. Fino all'otto febbraio è previsto l'invio di 2400 dosi Pfizer e 300 di Moderna. Dall'8 al 15 arriveranno altre 2340 dosi di Pfizer e 700 di Moderna. Negli ultimi quindici giorni del mese sono previste altre consegne di 3 mila dosi di Pfizer e 2000 di Moderna. 

Toma ha anche sottolineato che il Governo ha approvato un finanziamento di 14 milioni e 880 mila euro per l'adeguamento sismico del San Timoteo di Termoli. Per Campobasso e Agnone si chiede l'applicazione della Legge 67. Si potrà chiedere anche l'adeguamento delle apparecchiature sanitarie. 

Sull'informativa del presidente della Regione Toma è intervenuto anche il consigliere regionale Michele Iorio. Il quale sostiene la bontà di discutere in consiglio regionale delle questioni Covid ma chiede di approfondire meglio la questione della pericolosità del Cardarelli. Al termine del suo intervento chiede di ridiscutere il piano ospedaliero e il piano tamponi giudicando insufficiente quello esistente finora. 

Il consigliere regionale Andrea Greco interviene sull'organizzazione ospedaliera sottolineando l'assenza di terapie intensive per malati no Covid al Cardarelli di Campobasso. Per questo motivo come sottolinea un ragazzo vittima di un incidente stradale sulla Fresilia è stato trasportato all'ospedale di Pescara finendo a rischio vita. Sulla questione vaccini assume un tono populistico dicendo: "altro che interrogazioni, se qualcuno di voi lo ha fatto vi aspetto fuori dall'aula". Parimenti a Fanelli aggiunge: " chiedendoci di giurare lei ci sta prendendo in giro. Lei deve venire in aula con l'elenco dei vaccinati, io non posso accettare un affronto simile. Se ci sono persone che hanno usufruito del vaccino lei lo deve denunciare, bisogna venire in aula a fare nomi e cognomi. Chiunque lo abbia fatto non solo si deve vergognare ma anche dimettere". 

Il consigliere Di Lucente chiede di discutere subito l'interrogazione di Romagnuolo e al pari di Greco e Fanelli di conoscere l'elenco dei vaccinati. 

(Vivpiz)