Vaccino anti covid, Nola: "Il Molise esempio negativo. bisogna invertire la rotta"

L'eurodeputato Aldo Patriciello ha ricevuto il vaccino anti Covid pur non essendo operatore sanitario. Questa notizia, ormai di dominio pubblico, rappresenta plasticamente come si trascurino i bisogni e le priorità delle categorie più esposte al virus, nonché degli anziani più fragili così come dei disabili. E' quanto dichiara il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle, Vittorio Nola: "In tal senso l'Asrem deve mettere a punto ogni procedura utile per tutelare proprio queste categorie a rischio, anche seguendo quanto stanno predisponendo le altre Regioni per far fronte alla campagna vaccinale. Ad esempio, per gli "over 80" la Regione Lazio ha predisposto una semplice procedura digitale che ho utilizzato per mia madre. Quindi abbiamo ottenuto già la prenotazione presso l'ospedale di riferimento con date precise sia per la prima dose sia per la seconda, e sappiamo che le sarà inoculato il vaccino Pfizer. Perché nella Regione Molise non si imitano mai le esperienze migliori e ci affidiamo ancora a "strumenti" ormai superati? E ancora: cosa aspetta l'Asrem a provvedere sia ai tamponi molecolari, - conclude Nola -  sia alle vaccinazioni per i pazienti e gli operatori del Centro di Riabilitazione (Carsic) di Venafro?".