Stanze degli abbracci, Aida Romagnuolo: "subito nelle Residenze Sanitarie per Anziani del Molise”

“Realizzare in tempi brevi, anzi brevissimi, delle stanze degli abbracci nelle Rsa del Molise”: è la richiesta della consigliera regionale di Fratelli d’Italia, Aida Romagnuolo, che a tal proposito, nell’ultima seduta di Consiglio regionale, ha impegnato il governatore, Donato Toma, ad attivarsi in tal senso.

“Sono proprio loro, gli anziani, ad aver bisogno più di tutti di un contatto con i familiari – ha sottolineato la consigliera Romagnuolo – Isolati perché fragili e più a rischio vivono la solitudine e la mancanza degli affetti più cari per evitare i contagi da coronavirus. È quindi fondamentale garantire a tutti gli ospiti delle Rsa, come accade già in altre realtà italiane, di poter contare su un ‘abbraccio protetto’ godendo di un maggior benessere mentale ed emotivo. Nonostante la tecnologia sia venuta in aiuto per alleviare la preclusione delle visite, in molti però non riescono a trarne beneficio a causa di patologie o difficoltà audio-visive, molto diffuse in età avanzata. Negli studi sul fenomeno dell'invecchiamento si evidenzia il ruolo fondamentale dei contatti sociali  per una migliore qualità di vita dell'anziano, non solo in termini di mantenimento di uno stile attivo, dinamico e indipendente, ma  anche per rispondere ai bisogni di protezione, sicurezza e appartenenza che si intensificano col passare del tempo. Purtroppo - ha aggiunto l’esponente di centrodestra - l'evolversi della pandemia non prospetta un veloce miglioramento della situazione e sarebbe opportuno adoperarsi in ogni modo per garantire ai nostri anziani una qualità di vita che sia la migliore possibile. Nella cosiddetta "stanza degli abbracci”, ospiti e congiunti possono parlarsi e toccarsi grazie a dei guanti e addirittura abbracciarsi attraverso l'utilizzo di una speciale tenda anticontagio, realizzata in materiale plastico trasparente morbido, restando separati e rispettando tutti i protocolli sanitari in vigore”.