Giustini indagato dalla Procura "Sono stato chiamato dalla Procura e ci sono andato- ha dichiarato Giustini alle nostre telecamere all'uscita del consiglio regionale - adesso vedremo che accade".

DIRETTA

Terapie intensive piene, Toma: attiveremo la zona cross. Facciolla: solo ora si ricordano




"Se sarà necessario reperire ulteriori posti letto in Terapia intensiva attiveremo la rete Cross (Centrale remota operazioni soccorso sanitario), che ci dà disponibilità di terapie intensive in tutta Italia, oltre ai privati accreditati". Lo ha detto, interpellato dall'ANSA, il presidente della Regione Molise, Donato Toma, ricordando che "la Cross fu attivata lo scorso anno da Bergamo per due pazienti che furono ospitati presso la terapia intensiva dell'ospedale Cardarelli di Campobasso".

Da ieri il reparto del nosocomio regionale, centro Hub per il Covid-19, è al limite con 12 pazienti ricoverati. "Lo abbiamo già fatto qualche mese fa - ha aggiunto il governatore - quando nel reparto di terapia intensiva c'erano 13 pazienti". Tramite la Cross viene individuato il posto più vicino dove trasferire il malato. "È chiaro - ha aggiunto - che se dovessero servire altri posti, in qualità di autorità di Protezione civile utilizzerò anche le strutture private regionali accreditate. È compito del Commissario ad Acta provvedere alla contrattualizzazione, ma ad oggi non so cosa stia facendo. Sottolineo comunque che se dovesse essere necessario stabilizzare un paziente non aspetteremo la Cross. Se c'è posto negli ospedali di Isernia e Termoli (Campobasso) attiveremo le norme di sicurezza e lo stabilizzeremo, come è avvenuto - ha ricordato - nel caso di un ragazzo di Termoli.

Dichiarazioni che fanno insorgere il segretario del Pd Vittorino Facciolla che risponde così

"L'ultimo affronto che ci tocca sentire dal presidente Toma, al quale è ormai chiaro che la situazione sia sfuggita di mano, è che in caso di carenza di posti letto in terapia intensiva faremo richiesta alle regioni limitrofe.Da ieri il reparto del nosocomio regionale, centro Hub per il Covid-19, è al limite con 12 pazienti ricoverati. Il presidente fa riferimento al programma Cross (Centrale remota operazioni soccorso sanitario), programma del Ministero della Salute attivato tramite il Dipartimento di Protezione Civile che dà disponibilità di posti letto nelle terapie intensive di tutta Italia.

Ma come mai Toma adesso fa appello al programma Cross?
Evidentemente tutto ciò che ha predisposto, o ci ha raccontato di aver predisposto, non è stato realizzato: i 33 posti letto in terapia intensiva (che in realtà sono sempre stati solo 12), gli ospedali da campo, la torre covid a Campobasso, i prefabbricati attesi per il San Timoteo e tante, tante altre menzogne delle quali resta solo traccia sui giornali mentre la realtà per le centinaia di malati covid del Molise si fa ogni giorno più preoccupante".