Florenzano annuncia l'arrivo di container di terapia intensiva a supporto del Cardarelli

Nuovi posti di terapia intensiva in arrivo al Cardarelli. Consisterebbero in "moduli" di terapia intensiva con tecnologia all’avanguardia, dei veri e propri container utilizzati e trasformati come estensione dell'ospedale Cardarelli. "Saranno montati nel più breve tempo possibile", ad annunciarlo è il Direttore Generale dell'Asrem Oreste Florenzano. Moduli che saranno di supporto in questo periodo di enorme diffilcoltà sanitaria, visto che il Cardarelli, per colpa della pandemia, vede la quasi totalità dei posti letto delle "terapie intensive" occupate da malati Covid.
DG Florenzano: "I MODULI sono dotati di:
- alta tecnologia per la gestione dei pazienti (che sono persone bisognose di cure specifiche e non merci da accantonare);
 - impianti specifici, anche a pressione negativa, quindi quelli per le malattie infettive;
 - la presenza di gas medicali per i pazienti con problemi respiratori.
La differenza tra una terapia intensiva e il modulo c’è. Ed è sostanziale. Sono due nomi diversi perché sono due cose diverse.
Tutte le regioni hanno scelto questa strategia per ampliare i posti di terapia intensiva degli ospedali. I moduli saranno strutture solide, un’estensione dell’ospedale. Non sono tende da campo, non sono i container dei porti o dei cantieri. Saranno montati nel più breve tempo possibile.
L’Asrem risponde alla recrudescenza del contagio aumentando i posti letto. Eppure, come ci ricorda il ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità, il grande argine che possiamo porre sono i buoni comportamenti. Ognuno di noi, con senso di responsabilità, deve contribuire a bloccare il propagarsi del virus
".