Zona rossa, provvedimenti verso il ritorno alla normalità: ecco Santa Croce di Magliano e San Giuliano di Puglia

Nei Comuni della zona rossa le preoccupazioni non terminano. Il presidente della Regione Donato Toma ha fatto sapere che sabato provvederà a un ulteriore controllo per decidere chi inserire o togliere dal provvedimento emesso domenica 7 febbraio. In tale senso si stanno muovendo alcuni sindaci che cercano di correre al riparo prima che possa accadere l'irreparabile. 

A Santa Croce di Magliano, su decisione del sindaco Alberto Florio continuano gli screening nelle scuole. 

"La situazione epidemiologica Covid-19 nelle scuole, anche se le lezioni sono state sospese , attivando la DAD , abbiamo deciso di riprendere lo screening dedicato già programmato per ieri 9/febbraio - ha sostenuto- rimandato a causa dell’istituzione della zona rossa ,a partire da domani pomeriggio 11/febbraio , che proseguirà nei 2 giorni successivi, venerdì 12 e sabato 13, a tutti gli alunni, genitori e personale docente e non delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado presenti sul territorio. Il calendario e’ stato stilato e già comunicato a tutti gli interessati dalla Dirigente scolastica Prof.ssa Giovanna Fantetti.Saranno garantite tutte le misure di sicurezza : basta recarsi in auto al plesso scolastico di via Caduti di Nassirya , restare in fila ed attendere il proprio turno, seguendo le istruzioni del personale volontario GEPA. A tal proposito, l’Amministrazione comunale ringrazia di cuore la ditta Quiquero di Santa Croce di Magliano, che ci fornirà gratuitamente materiale di supporto come guanti , gel e mascherine".

Da San Giuliano di Puglia arriva invece l'appello alla responsabilità da parte del sindaco Peppe Ferrante.

"Come avete letto dai giornali e sentito in TV - ha sostenuto-  la situazione dei contagi Covid in Basso Molise è diventata preoccupante, si ipotizza la presenza di varianti più aggressive, soprattutto tra i giovani. Visto che stiamo affrontando la fase più delicata della pandemia e visto che gli ospedali ormai sono saturi, voglio fare un appello al senso di responsabilità di tutti.... Usciamo di casa solo per necessità o per lavoro, manteniamo il distanziamento sociale, usiamo la mascherina e igienizziamo le mani sempre! Ne verremo fuori! Collaboriamo!"