Termoli. Intervista al Direttore Generale Florenzano sull'Ospedale da Campo e Terapie Intensive

DIRETTA

Trasporti. Sati: "Rispettati tutti gli obblighi sindacali"

«SATI S.p.A. di Campobasso, storica azienda operante nel settore del trasporto pubblico locale extraurbano su gomma, in forza di contratto di servizio sottoscritto con la Regione Molise, visti i vari articoli di stampa ed i servizi giornalistici apparsi in questi giorni, intende fare le seguenti doverose precisazioni. - scrive l'azienda di trasporti Sati in una nota - Giova innanzitutto evidenziare, contrariamente a quanto sostenuto dalle Organizzazioni Sindacali, che il settore del trasporto collettivo è stato tra quelli maggiormente colpiti dalle conseguenze negative causate dall'emergenza sanitaria da COVID -19; tanto è vero che ha determinato un vertiginoso crollo della domanda di trasporto collettivo, con tutte le intuibili conseguenze in fatto di minori ricavi in danno delle aziende.  

Tutto ciò si è inserito in un quadro complessivo già segnato da serie difficoltà di ordine economico e finanziario, che vedeva e vede tuttora le aziende costrette ad adire le vie legali per il riconoscimento delle eque compensazioni ad esse spettanti in base al contratto di servizio ed alle norme, anche di fonte comunitaria, che regolano la materia.  
Nonostante le enormi difficoltà che l'intero settore sta vivendo, la SATI S.p.A., come da sua tradizione, si è distinta anche in questa fase drammatica per il puntuale e regolare rispetto di tutti gli obblighi su di essa gravanti, in primis quello alla corresponsione regolare delle retribuzioni in favore del personale dipendente.  
Inoltre, la SATI S.p.A. ha ottemperato a tutte le prescrizioni vigenti in materia di contenimento del contagio, investendo per la tutela della salute e della sicurezza notevoli risorse, dotando il personale dipendente di tutti i dispositivi di protezione previsti, provvedendo alla regolare e periodica pulizia e sanificazione dei locali aziendali e degli automezzi e rafforzando significativamente la rete di vendita dei titoli di viaggio, con il sistema di acquisto on line. Ciò detto, appare oltremodo improprio e pretestuoso il martellante "battage" mediatico ordito dalle organizzazioni sindacali di settore, cui – spiace dirlo – la stampa locale ha spesso prestato acriticamente il fianco, teso a veicolare all'opinione pubblica un'informazione distorta, che getta discredito sull'intero settore del Trasporto pubblico Locale molisano.  Emblematica di tale rilevata distorsione informativa è la falsa notizia circa il licenziamento di un dipendente SATI, nuovamente apparsa sugli organi di stampa, nonostante la richiesta di rettifica e precisazione inviata dalla SATI S.p.A.   A tal proposito si precisa nuovamente che il dipendente in questione non è stato affatto licenziato bensì solo sospeso dal lavoro e dalla retribuzione in quanto dichiarato dagli organi competenti non idoneo definitivamente alle mansioni di autista.   Tale decisione è stata assunta dalla SATI S.p.A. solo per ottemperare all'obbligo di sicurezza gravante sul datore di lavoro.  
La SATI S.p.A. pertanto rivendica con orgoglio il suo ruolo di "storica" impresa del trasporto su gomma molisano, avendo tempestivamente raccolto le sfide lanciate dall'emergenza sanitaria e riorganizzato il servizio in funzione della diversa mobilità collettiva, garantendo alla Regione Molise, ai Comuni serviti, a tutto il personale dipendente e, soprattutto, agli utenti un servizio adeguato e rispettoso delle regole e della normativa di settore.»