Presunta speculazione sul prezzo delle mascherine, commerciante campobassano a processo

Il Covid 19 finisce anche nelle aule di Tribunale a Campobasso. Imputato un commerciante del capoluogo di regione che deve rispondere di manovre speculative su merci. Protagonista il prezzo delle mascherine. Il Codacons, difeso dagli avvocati Massimo Romano e Luca Di Carlo, si è costituito parte civile. Questa mattina si è celebrata presso il Tribunale penale di Campobasso in composizione monocratica, la prima udienza. 

La titolare dell'attività commerciale di vendita all'ingrosso di medicinali e materiale sanitario è accusata di aver compiuto reiteratamente, durante le prime fasi dell'emergenza sanitaria Covid-19, manovre speculative, finalizzate a determinare un aumento ingiustificato dei prezzi di prima necessità, vendendo 1.000 mascherine monouso protettive con aumenti di prezzo nell'ordine dell'83,80%. Il procedimento penale ha avuto origine anche da una serie di denunce e segnalazioni, sporte, tra gli altri, anche dal Codacons. Prossima udienza, il 25 maggio 2021.