Proseguono le vaccinazioni agli over 80 al Cardarelli di Campobasso

DIRETTA

Accadde Oggi 14 febbraio #almanacco

Oggi 14 febbraio la Chiesa festeggia San Valentino/a

496 – Viene istituita da Papa Gelasio I la memoria liturgica di San Valentino
869 – Muore a Roma il monaco Cirillo (nato a Tessalonica nell’826), evangelizzatore di Pannonia e Moravia col fratello Metodio e inventore dell’alfabeto glagolitico per i popoli slavi.
1014 – Papa Benedetto VIII riconosce Enrico di Baviera come Re di Germania
1076 – Papa Gregorio VII scomunica Enrico IV di Franconia
1130 – Innocenzo II è eletto papa
1349 – A Strasburgo vengono uccisi 2000 ebrei sospetti di diffondere la Peste Nera
1779 – James Cook viene ucciso dai nativi sulle Isole Sandwich
1849 – A New York, James Knox Polk diventa il primo presidente statunitense a cui viene scattata una fotografia
1854 – Il Texas viene collegato via telegrafo al resto degli Stati Uniti
1859 – L’Oregon diventa il 33º Stato degli USA
1876 – Alexander Graham Bell fa domanda di brevetto del telefono
1879 – Scoppia la Guerra del Pacifico, quando le forze armate del Cile occupano la città portuale Boliviana di Antofagasta
1895 – Londra: prima rappresentazione al St James’s Theatre di L’importanza di chiamarsi Ernesto, commedia in tre atti di Oscar Wilde. Meno di tre mesi dopo, questa e le altre commedie di Wilde vengono ritirate dai teatri a causa dello scandalo che colpisce l’autore
1920 – La League of Women Voters (Lega delle donne elettrici) viene fondata a Chicago
1924 – Viene fondata la IBM
1929 – Strage di San Valentino: Al Capone stermina la banda rivale di Bugsy Moran
1936 – LA AG Weser vara il primo di 162 U-Boot (l’ultimo sarà varato il 1º marzo 1945)
1943 – Seconda guerra mondiale: viene liberata Rostov, in Unione Sovietica
1952 – Si aprono i VI Giochi olimpici invernali ad Oslo
1980 – Iniziano i XIII Giochi olimpici invernali a Lake Placid negli Stati Uniti
2003 – Muore la pecora Dolly, il primo mammifero frutto di clonazione
2004 – In un sobborgo di Mosca, crolla il tetto di un parco acquatico al coperto. Più di 25 morti e oltre 100 feriti
2005 – In Libano il Primo ministro libanese Rafīq al-Ḥarīrī, a seguito di un attentato esplosivo a Beirut, viene assassinato.
In California viene fondata la piattaforma web Youtube.

Festa degli innamorati (San Valentino)

Nati

Leon Battista Alberti (1404) – Architetto italiano
John Barrymore (1882) – Attore statunitense
Daria Bignardi (1961) – Conduttrice televisiva, giornalista e scrittrice italiana
Michael Bloomberg (1942) – Imprenditore e politico statunitense
Edinson Cavani (1987) – Calciatore uruguaiano
Lara Croft (1967) – Eroina del videogame Tomb Raider
Stefano Di Battista (1969) – Musicista jazz italiano
Frederick Douglass (1818) – Politico, scrittore, editore, oratore e riformatore statunitense
Valerio Mastandrea (1972) – Attore italiano
Valentina Vezzali (1974) – Atleta italiana di scherma

Morti

James Cook (1779) – Esploratore inglese
Pecora Dolly (2003) – Primo clone animale
Michele Ferrero (2015) – Imprenditore italiano
David Hilbert (1943) – Matematico tedesco
Marco Pantani (2004) – Atleta italiano di ciclismo
Reeva Steenkamp (2013) – Modella sudafricanaMorti

Avremmo voluto parlare di San Valentino come la festa degli Innamorati ma, ci sembrava ricordare uno dei più grandi ciclisti al Mondo e di sempre, innamorato della due ruote e di tutto ciò che essa manifesta nel ed al mondo.

Marco Pantani (Cesena13 gennaio 1970– Rimini14 febbraio 2004) è stato un ciclista su strada italiano, con caratteristiche di scalatore puro. Soprannominato "il Pirata" (o anche "Pantadattilo", appellativo attribuitogli dal giornalista Gianni Mura), è considerato uno dei ciclisti più forti in montagna di tutti i tempi, con grandi doti di fondo e di recupero oltreché di scattista e discesista.

Professionista dal 1992 al 2003, ottenne in tutto 46 vittorie in carriera con i migliori risultati nelle corse a tappe, consegnandosi alla storia per esser entrato nel ristretto novero di atleti in grado di centrare la cosiddetta "doppietta Giro-Tour", trionfando nei giri d'Italia e di Francia nella stessa annata (1998); cronologicamente, è stato l'ultimo ciclista (dopo Fausto CoppiJacques AnquetilEddy MerckxBernard HinaultStephen Roche e Miguel Indurain) a riuscire nell'impresa. Vinse, inoltre, la medaglia di bronzo ai mondiali in linea del 1995.

La sua carriera fu costellata da incidenti e contrattempi più o meno gravi, che a più riprese resero difficile (ma appassionante per il pubblico) il suo ritorno alle gare.

Escluso in circostanze controverse e mai chiarite appieno dal Giro d'Italia 1999 a causa di un valore di ematocrito al di sopra del consentito, risentì del clamore mediatico suscitato dalla vicenda. Pur tornato alle gare nell'anno seguente, raggiunse solo sporadicamente i livelli cui era abituato, chiudendosi molto e abbandonandosi nella vita privata all'uso di droghe.

Caduto in depressione, morì il 14 febbraio 2004 a Rimini, per intossicazione acuta da cocaina e psicofarmaci antidepressivi, con conseguente edema polmonare e cerebrale, così come provato dall'autopsia del 2004 e da una successiva perizia medico-legale del 2015. La sua morte è ancora oggi ritenuta da più parti un giallo irrisolto.

«Un giorno, al Tour, gli avevo chiesto: «Perché vai così forte in salita?». E lui ci aveva pensato un attimo e aveva risposto, questo non riesco a dimenticarlo: «Per abbreviare la mia agonia».»

(Gianni Mura)

Marco Pantani nacque alle 11:45 del 13 gennaio 1970 all'ospedale Bufalini di Cesena, figlio secondogenito di Ferdinando Pantani, detto Paolo, e di Tonina Belletti, la quale vendeva piadine in un chiosco sul lungomare di Cesenatico. Fino al 1978, abitò in una casa di via Saffi a Cesenatico, di proprietà dei nonni Sotero e Delia. Trascorse un'infanzia serena; non eccelse negli studi scolastici, ma si buttò a capofitto nello sport, nella caccia e nella pesca, che praticava con la compagnia rispettivamente del padre e del nonno. Dopo essersi cimentato da giovanissimo nel mondo del calcio, ricevette in regalo una bicicletta dal nonno Sotero e capì immediatamente di essere portato per il ciclismo. Decise di tesserarsi nel G.C. Fausto Coppi di Cesenatico e mostrò subito indubbie doti di grande scalatore, vincendo molte gare: il primo successo fu quello delle Case Castagnoli di Cesena, in un tracciato curiosamente pianeggiante, il 22 aprile 1984.

Nel 1986 visse i primi due fra gli sfortunati incidenti che ne caratterizzarono la carriera: un giorno, durante un allenamento, si distrasse, finì contro un camion fermo e rimase in coma un giorno; successivamente, una volta ripresosi, sbatté in discesa contro una macchina e rimase in ospedale una settimana con varie fratture. Nel 1990 fu terzo al Giro d'Italia dilettanti, nel 1991 secondo e nel 1992 vinse davanti a Vincenzo Galati e Andrea Noè, conquistando anche la classifica scalatori.

Nell'agosto del 1992, tenendo fede a un vecchio accordo informale preso con i dirigenti della Carrera Jeans - Vagabond, passò al professionismo nei ranghi della squadra diretta da Davide Boifava e capitanata da Claudio Chiappucci, detto "el Diablo".

Nel 1993 partecipò al Giro del Trentino di quell'anno, piazzandosi quinto in classifica all'esordio assoluto, e al suo primo Giro d'Italia per professionisti, nel quale agì perlopiù da gregario, arrivando tra i primi dieci nella 12ª tappa (con traguardo ad Asiago). A causa di una tendinite al Tendine di Achille, fu precauzionalmente fatto ritirare dal team manager Boifava, quando ormai mancavano poche tappe dalla conclusione ed era diciottesimo in classifica generale.

Nel 1994, avvenne l'esplosione come ciclista professionista. Pantani arrivò al Giro d'Italia dopo aver affinato la preparazione al Giro del Trentino[21], nel quale aveva gareggiato alla pari coi migliori, piazzandosi ai piedi del podio nella classifica finale. Deciso a consacrarsi sulle montagne della corsa rosa, provò ad attaccare in più occasioni in salita, ottenendo la sua prima vittoria tra i professionisti il 4 giugno, in occasione della tappa dolomitica Lienz-Merano; scattato in prossimità della vetta, si assicurò il successo con una discesa spericolata in picchiata verso la cittadina altoatesina, compiuta imitando una posizione esasperata assunta qualche anno prima ai Campionati del mondo di Chambery dall'atleta russo Dmitrij Konyšev.

Tornò all'attacco all'indomani, nella successiva frazione Merano-Aprica, che prevedeva l'ascesa ai passi dello Stelvio, del Mortirolo e di Santa Cristina. In quest'occasione, partì in progressione sulla seconda salita di giornata, staccando Miguel Indurain e la maglia rosa Evgenij Berzin, che aveva provato a resistergli per alcune centinaia di metri alla ruota]; rientrato sul gruppo di fuggitivi della mattina (tra cui figurava anche il capitano della Carrera Jeans - Tassoni, Claudio Chiappucci), attaccò nuovamente e fece il vuoto. Consigliato dall'ammiraglia, rallentò il passo in attesa di qualche corridore, così da non affrontare da solo un lungo tratto in pianura che lo separava dall'ultima ascesa. Fu quindi raggiunto da Nelson "Cacaíto" Rodríguez e da Indurain, che tuttavia staccò nuovamente sul terzo passo di giornata, palesandone definitivamente la crisi. Al traguardo fu primo, con oltre due minuti e cinquanta secondi sul suo capitano di squadra Chiappucci, tre minuti e trenta sul campione spagnolo e oltre quattro su Berzin. Il grande vantaggio accumulato su Indurain gli permise di scalzarlo dal secondo posto in classifica e di arrivare a circa un minuto dalla maglia rosa. Fu quindi terzo nella successiva gara a cronometro, ma perse comunque secondi preziosi dal vincitore di tappa, Berzin.

Nella lunga e durissima tappa con arrivo a Les Deux Alpes, i piani di squadra prevedevano che il romagnolo tentasse un complicato attacco a circa 100km dal traguardo, volto a far saltare la classifica del Giro. Pur guadagnando in corsa un vantaggio che virtualmente lo collocava a pochi secondi dalla maglia rosa, Pantani e la Carrera Jeans - Tassoni decisero di desistere dalla prosecuzione della rischiosa e dispendiosa azione d'attacco, a causa del mancato accordo con il compagno di fuga Hernán Buenahora. L'azione fu quindi riassorbita da Berzin sulla penultima ascesa di giornata e i due giovani duellanti arrivarono appaiati al traguardo. La gestione di questa tappa (oltreché di quella precedente dell'Aprica) si rivelò decisiva. Infatti, le proibitive condizioni climatiche dell'ultima sfida alpina (che prevedeva l'arrivo in un'innevata Sestriere), portarono Pantani a non riuscire a migliorare la sua classifica e chiudere, così, il 77º Giro d'Italia con i seguenti risultati: secondo in classifica generale (dietro al solo Berzin e davanti a Indurain), secondo miglior giovane (dietro allo stesso Berzin), terzo nella graduatoria dedicata agli scalatori (dietro Pascal Richard e Michele Coppolillo).

Nel mese di luglio, dopo un iniziale tentennamento, Pantani si ritrovò a debuttare al Tour de France. Il corridore romagnolo, ribattezzato "il Diavoletto" dal direttore sportivo Giuseppe Martinelli e dalla critica, pagò inizialmente una maggior popolarità (e quindi una marcatura più stretta da parte degli atleti più in vista). Inoltre, una serie di sfortunate cadute nelle prime frazioni fu tra le cause del notevole ritardo accumulato inizialmente in graduatoria (circa un quarto d'ora da Indurain) e della sua difficoltà a vincere almeno una tappa.

Nell'undicesima frazione (prima di montagna) con arrivo a Hautacam, il suo capitano Chiappucci andò in crisi. Pantani provò allora a imbastire una fuga solitaria, ma finì per esser raggiunto in prossimità del traguardo da Luc Leblanc e Indurain, quest'ultimo a caccia di riscatto dopo la delusione del Giro. Pagò, così, all'arrivo una manciata di secondi di distacco al navarro e al futuro campione del mondo, vincitore di giornata.

All'indomani, assunti i gradi di capitano per il ritiro di Chiappucci, Pantani sferrò un nuovo attacco da lontano nella tappa del Tourmalet, transitando per secondo sul traguardo di Luz Ardiden e riuscendo a recuperare 3' a Indurain.

La rincorsa al podio continuò nelle frazioni alpine. Il 18 luglio sul Mont Ventoux, pur senza riuscire a dare uno scossone alla classifica, stabilì un record di ascesa del "Monte Calvo", rimasto ancor oggi imbattuto. All'indomani, sull'Alpe d'Huez, la Banesto, squadra di Indurain, lasciò ampio spazio a una fuga partita da lontano. Pantani andò all'attacco soltanto in un secondo momento, quando ormai la vittoria era definita; pur transitando con oltre 5' di ritardo dal vincitore (il futuro compagno di squadra Roberto Conti), dimostrò un grande smalto, staccando ancora nettamente la maglia gialla e il gruppo dei migliori. Nella successiva tappa con arrivo a Val Thorens, invece, rimasto a sua volta molto attardato a seguito di una caduta rovinosa, fu a un passo dal ritiro; sostenuto dall'ammiraglia e dai compagni, riuscì dapprima a rientrare in gruppo e poi ad attaccare ancora la maglia gialla Miguel Indurain, arrivando al traguardo terzo, alle spalle di Cacaíto Rodríguez e Pëtr Ugrjumov.

Con sette minuti recuperati a Indurain nel giro di poche frazioni di montagna, Pantani si ritrovò al terzo posto in classifica generale, a soli cinquanta secondi dalla seconda piazza, occupata da Richard Virenque. Il piano di attaccare ancora e sfilare la piazza d'onore all'idolo di casa svanì all'indomani, quando Virenque consolidò la sua posizione: il Pirata fu staccato dal francese nella discesa del Grand Colombier, pagando sotto il traguardo di Cluses 45'' di distacco al transalpino.

Nonostante la scarsa predilezione per le gare contro il tempo, Pantani andò alla riscossa all'indomani, in occasione della cronoscalata Cluses-Morzine Avoriaz. Come già dimostrato durante la Cronoscalata della Futa del 1991 (quando, ancora dilettante, aveva vinto con un tempo appena superiore a quello del già campione del mondo Gianni Bugno, trionfatore tra i professionisti), Pantani annullò in salita lo svantaggio fisico patito in piano nei confronti dei più possenti specialisti delle cronometro, piazzandosi secondo, dietro al solo Ugrjumov, blindando di fatto un posto sul podio del Tour.

All'arrivo agli Champs-Élysées, Pantani fu infatti terzo, a oltre sette minuti da Indurain (giunto alla quarta vittoria di fila al Tour), nonché secondo nella classifica scalatori; si aggiudicò, inoltre, la maglia bianca, ambito riconoscimento per il miglior giovane della manifestazione.

Partecipò a fine stagione anche alla prova in linea dei Campionati del mondo di ciclismo, ritirandosi però al 15º giro.

Nella primavera del 1995, uno scontro con un'automobile avvenuto durante un allenamento in strada lo costrinse in ospedale. La preparazione al Giro d'Italia divenne difficoltosa e, infine, impossibile.

Saltato il principale obiettivo della stagione, Pantani risalì presto in sella alla bici con l'obiettivo di partecipare al Tour de France. Si presentò in ripresa al Giro di Svizzera, dove vinse in solitaria la penultima tappa con arrivo in salita a Flumserberg. In occasione del Giro di Svizzera, peraltro, il corridore romagnolo sfoggiò per la prima volta un nuovo look (capelli rasati e orecchino) che lo avrebbe reso famoso a posteriori col soprannome de "il Pirata".

Arrivato alla Grande Boucle dopo una pur discreta preparazione, Pantani faticò molto a causa del riacutizzarsi dei fastidi al ginocchio infortunato e dei tanti chilometri a cronometro previsti dal programma di quell'anno. Oltre a patire le cronometro, il romagnolo si dimostrò inizialmente non al meglio anche sulle Alpi, dove l'11 luglio, nella prima tappa di alta montagna, rimase sorpreso dall'attacco di Miguel Indurain e si limitò a salire del proprio passo, transitando al traguardo quarto, staccato dallo spagnolo di oltre 2 primi e 30 secondi. Recuperò terreno in classifica all'indomani, riscattandosi sull'Alpe d'Huez, dove conquistò la sua prima vittoria (di otto complessive in carriera) al Tour de France: partito a 13 km dal traguardo, staccò subito tutti i principali uomini di classifica e si lanciò all'inseguimento dei fuggitivi di giornata, che riprese uno a uno, transitando (a differenza dell'anno precedente) primo all'arrivo, con un minuto e mezzo di vantaggio sugli inseguitori Miguel Indurain, Alex Zülle e Bjarne Riis (rispettivamente primo, secondo e terzo della classifica generale).

Rivitalizzato nel morale, affrontò all'attacco anche tappe con variazioni altimetriche minime e a lui poco favorevoli (come la dodicesima, con arrivo a Mende) e proseguì la sua rincorsa in classifica sui Pirenei. Qui vinse per distacco la tappa del 16 luglio con arrivo in salita a Guzet-Neige, al termine di una lunga fuga di 42 km, nella quale affrontò da solo e in condizioni atmosferiche difficili quattro Gran Premi della Montagna e recuperò altri 2'30'' alla maglia gialla. La tragica morte del ciclista della Motorola, Fabio Casartelli, avvenuta durante la tappa del 18 luglio nella discesa del Colle di Portet-d'Aspet, condizionò sotto il profilo mentale il prosieguo della Grande Boucle per Pantani, che pur era ampiamente nei primi dieci e in piena corsa per un piazzamento a podio. Il Pirata concluse così in flessione il Tour, piazzandosi in tredicesima posizione. Riuscì comunque a bissare il successo nella classifica "Giovani", conquistando la maglia bianca.

Sul finire dell'anno, Pantani fu ancora protagonista, stavolta con i colori della Nazionale, ai Campionati del mondo disputatisi in Colombia, a Duitama, su di un ostico tracciato in quota. L'azzurro andò di fuga in salita alla penultima tornata, ma il tentativo fu ricucito dall'attrezzata squadra spagnola. All'ultimo giro, il romagnolo era rimasto l'unico rappresentante italiano nel gruppetto di testa; nel tentativo di marcare stretto Miguel Indurain, Pantani ignorò sulle prime un allungo di Abraham Olano. Lo spagnolo, però, ben coperto dal compagno di squadra e nonostante una foratura capitatagli a 800m dal traguardo, finì per conquistare a sorpresa la medaglia d'oro per distacco. Pantani chiuse terzo allo sprint, alle spalle dello stesso Indurain, che lo anticipò in volata.

Proprio quando sembrava agli inizi di una sfavillante carriera, il 18 ottobre, nella discesa di Pino Torinese, fu investito (assieme ad altri corridori) da un fuoristrada che viaggiava in senso contrario sulla sede di gara della Milano-Torino, una corsa che, nei piani iniziali, Pantani non avrebbe nemmeno dovuto correre. Venne ricoverato al CTO del capoluogo piemontese, dove gli fu riscontrata una frattura di tibia e perone e paventato il serio rischio di perdere l'uso dell'arto o, comunque, di dover prematuramente interrompere l'attività agonistica.

Nonostante il duro incidente, il 23 marzo 1996, a 5 mesi e 5 giorni di distanza dall'ultima gara, Pantani ritornò in sella a una bici e, fra il luglio e il settembre del 1996, corse in una decina di competizioni ufficiali, in preparazione alla stagione successiva.

All'inizio della stagione 1997, il marchio Carrera non rinnovò la sponsorizzazione alla squadra del romagnolo, che così si sciolse dopo numerosi anni di attività. Marco Pantani si trasferì alla Mercatone Uno, piccolo team romagnolo patrocinato da Romano Cenni e guidato da Luciano Pezzi, ex gregario di Fausto Coppi e direttore sportivo di Felice Gimondi. La squadra era stata pensata perlopiù come una sorta di selezione dell'Emilia-Romagna e costruita attorno al corridore di Cesenatico per far bene nei grandi giri; Pantani vi ritrovò gran parte dei suoi compagni della Carrera, tra i quali Massimo Podenzana e Marcello Siboni, oltre a Roberto Conti e al neo-professionista Stefano Garzelli. Anche il dirigente Giuseppe Martinelli, legato al capitano dalla precedente esperienza in Carrera, fu parte del progetto.

Pur tra le perplessità di un ritorno alle gare quantomai difficile, Pantani figurò positivamente nelle corse di inizio anno, presentandosi così con ambizioni di classifica al Giro d'Italia. Al Giro diede segnali positivi già sugli Appennini, dove limitò i danni a cronometro e fu terzo allo sprint nell'arrivo in quota della tappa del Monte Terminillo. Tuttavia, un nuovo incidente lo estromise prematuramente dalla corsa: infatti, qualche giorno più tardi, nella tappa con partenza da Maddaloni e arrivo a Cava de' Tirreni, nella discesa del valico di Chiunzi, a poche decine di chilometri dal traguardo, finì coinvolto in una caduta di gruppo a causa di un gatto che tagliò la strada ai corridori, facendoli finire a velocità sostenuta contro le rocce della Costiera amalfitana. Pantani riuscì a rientrare in gruppo e concludere la tappa grazie ai compagni di squadra ma, una volta in ospedale, gli fu diagnosticata la lacerazione di un centimetro nelle fibre muscolari della coscia sinistra. Pantani abbandonò, così, la corsa.

«Avrei voluto essere battuto dagli avversari, invece ancora una volta mi ha sconfitto la sfortuna»

(Pantani, il 25 maggio 1997)

Qualche giorno più avanti, però, la risonanza magnetica cui Pantani si sottopose espresse un verdetto più benigno; ciò gli permise di recuperare abbastanza velocemente e tornare in sella alla bici già al Giro di Svizzera, con l'obiettivo di saggiare la gamba in vista del Tour de France.

Ritiratosi ormai Miguel Indurain, alla Grande Boucle Marco Pantani trovò nuovi avversari per la conquista della maglia gialla, in particolare Jan Ullrich, rivelazione e vicecampione della precedente edizione, e l'idolo di casa Richard Virenque, col quale già aveva battagliato in salita e discesa nelle edizioni precedenti. In quell'occasione, Pantani per la prima volta esibì in una corsa la bandana da pirata - copricapo riconosciuto a posteriori come simbolo della sua epopea sportiva da critica e tifosi.

Il Pirata si presentò, però, alle prime tappe di montagna in ritardo di condizione e con un distacco già notevole dagli avversari principali, anche per via di alcune cadute nelle prime giornate di gara. Nonostante queste premesse, riuscì comunque a piazzarsi tra i primi tre in entrambe le tappe pirenaiche, con arrivi in quota a Loudenvielle e Andorra la Vella. Qualche giorno più tardi, invece, ripeté l'impresa di due anni prima all'Alpe d'Huez: vinse e staccò i due principali antagonisti, percorrendo l'ascesa in 37 minuti e 35 secondi - un record entrato nella storia della Grande Boucle. Andò, tuttavia, in crisi nella successiva tappa di Courchevel, a causa del riacutizzarsi di problemi respiratori legati a una bronchite con la quale stava convivendo da alcuni giorni. Arrivato al traguardo con un distacco di 3', era ormai a un passo dal ritiro, ma l'indomani riuscì comunque a risalire in bicicletta, desideroso di completare la corsa. Fu così che staccò nuovamente i suoi avversari nella seguente tappa, che prevedeva l'arrivo al Col de Joux Plane, transitando per primo sul traguardo di Morzine e rilanciandosi in classifica. Tuttavia, il ritardo accumulato nelle prove contro il tempo e nella sciagurata tappa di Courchevel, si sarebbe rivelato determinante al termine della corsa: in classifica finale fu terzo, preceduto da Ullrich e Virenque.

Durante la primavera del nuovo anno, in preparazione alla corsa rosa, il Pirata mostrò un discreto smalto, rivaleggiando con i migliori sia al Giro del Trentino, sia alla Vuelta a Murcia, nella quale dominò in volata l'arrivo in salita al Morrón de Totana e colse un terzo posto in classifica generale, dietro Aleksandr Vinokurov e Alberto Elli. Intanto, alla Mercatone era arrivato anche Orlando Maini, già direttore sportivo di Pantani ai tempi del Giro d'Italia dilettanti.

Ai nastri di partenza del Giro d'Italia, il principale rivale del Pirata era considerato Alex Züllepassista esperto, nonché specialista delle gare a cronometro. Per evitare di attardarsi lungo le tappe di un percorso che poco esaltava le sue caratteristiche, Pantani decise di approcciare all'attacco qualsiasi gara presentasse delle minime variazioni altimetriche, in modo da arrivare sulle Alpi con distacchi più contenuti e gestibili rispetto alle precedenti esperienze nei grandi giri. Tuttavia, in assenza di pendenze rilevanti, i primi affondi si rivelarono spesso infruttuosi, quando non controproducenti: è il caso della salita dell'Argentario o dell'arrivo a Lago Laceno, quando il Pirata, che aveva tentato un allungo in compagnia della maglia rosa Michele Bartoli, fu raggiunto e staccato da Zülle. In una successiva occasione, sul Passo dello Zovo, Pantani cadde ripetutamente in discesa mentre duellava per la vittoria di tappa proprio con Alex Zülle e Pavel Tonkov, altro favorito per la vittoria, senza però riuscire a staccarli. In definitiva, pur movimentando molto la corsa, il Pirata finì per guadagnare qualche secondo sul suo principale avversario soltanto nell'arrivo in salita dell'undicesima frazione, Macerata-San Marino (quando fu 2°, dietro ad Andrea Noè) e nell'arrivo a Piancavallo, dove vinse la tappa e raggiunse la seconda piazza in classifica generale.

«Sono l'unico a dare battaglia, [...] non possiamo portare Zülle in carrozza fino a Milano»

(Marco Pantani, il 27 maggio 1998)

Tuttavia, nella frazione a cronometro del 31 maggio attraverso la città di Trieste, Pantani, partito prima del suo rivale in maglia rosa, fu da questi raggiunto e superato, riportando al traguardo un distacco prossimo ai tre minuti e mezzo. Con ormai poche occasioni a disposizione per riscrivere la classifica, il Pirata andò all'attacco sin dalla prima delle tre tappe alpine previste dal programma: il 2 giugno, in occasione della frazione di Selva di Val Gardena (che prevedeva l'ascesa della Marmolada, dei Pordoi e del Passo Sella), arrivò secondo al traguardo, appaiato allo scalatore Giuseppe Guerini, coautore di una lunga fuga iniziata a metà della Marmolada. Grazie a quest'impresa, Pantani scalzò Zülle dalla testa della classifica e indossò la prima maglia rosa della sua carriera. All'indomani, il romagnolo controllò fino all'ultimo metro il più diretto rivale, Pavel Tonkov, nella tappa vinta da quest'ultimo allo sprint sotto il traguardo dell'Alpe di Pampeago. Decisiva si sarebbe rivelata la frazione di Plan di Montecampione, il 4 giugno: nell'occasione Pantani, con un Zülle ormai alla deriva (quel giorno lo svizzero perse più di mezz'ora), attaccò ripetutamente Tonkov. Il russo, che gli era rimasto a ruota nonostante i suoi continui scatti, finì per staccarsi a due chilometri dall'arrivo, accusando al traguardo un passivo di circa un minuto. Con un'ottima prova nella cronometro finale Mendrisio-Lugano (nella quale colse il 3º posto), Pantani mantenne la maglia rosa e concluse il suo primo vittorioso Giro d'Italia, portando a casa anche la maglia verde dedicata ai migliori scalatori (nell'occasione, superò José Jaime "Chepe" González) e arrivando secondo nella classifica a punti, dietro a Mariano Piccoli.

Deciso inizialmente a non partecipare al Tour de France e godersi il successo del Giro, Pantani cambiò repentinamente idea a due settimane dall'inizio della corsa, quando venne a mancare Luciano Pezzi, suo mentore e direttore sportivo alla Mercatone Uno. Il corridore romagnolo, però, aveva interrotto totalmente gli allenamenti. Fu così che, presentatosi alla Grande Boucle, accumulò nelle prime sette tappe un ritardo di quasi 5' dalla maglia gialla Jan Ullrich, che si era invece preparato in modo molto più sistematico. Con il passare dei giorni, però, Pantani recuperò la miglior condizione: colse prima il secondo posto nella tappa Pau-Luchon e poi staccò tutti a Plateau de Beille, dimezzando il suo svantaggio e issandosi al quarto posto in graduatoria. Durante la quindicesima frazione, che andava da Grenoble a Les Deux Alpes, avvenne la svolta: il Pirata andò all'attacco da lontano sul Col du Galibier, a circa 50 km dal traguardo, nonostante le difficili condizioni atmosferiche di pioggia e freddo gelido. Pantani arrivò al traguardo finale in solitaria, mentre Ullrich - mal alimentatosi e spossato dal freddo pungente - andò in crisi irreversibile, pagando quasi nove minuti di svantaggio all'arrivo. Quel giorno, Pantani non solo vinse la tappa, ma conquistò anche la prima maglia gialla della carriera. Ullrich, scivolato molto indietro in classifica generale, tentò di recuperare terreno sia nella tappa di Albertville, sia nella cronometro di Le Creusot, ma Pantani lo controllò e riuscì a portare la maglia gialla fino alla fine, a dispetto dei numerosi scioperi di ciclisti nati in reazione all'affaire Festina, lo scandalo doping che sconvolse quell'edizione della corsa e che rischiò di bloccarla prima dell'arrivo a Parigi.

In seguito ad analisi antidoping retroattive condotte a posteriori nel 2004 e disposte da una commissione parlamentare del Senato della Repubblica francese sui risultati dei controlli realizzati in precedenti edizioni del Tour, emerse la positività all'EPO ricombinante di uno dei campioni prelevati a Marco Pantani nelle tappe del 21, 22, 27 e 28 luglio 1998 (date tra le quali rientrano anche le due vittorie di tappa conseguite dal Pirata in quell'edizione).

Con la conquista dell'edizione numero 85 della Grande Boucle, Pantani regalò all'Italia un trionfo al Tour che mancava da 33 anni: ultima vittoria era stata quella del 1965 di Felice Gimondi. Per 16 anni sarebbe rimasto l'ultimo italiano ad aver vinto il Tour, fino al 2014, quando Vincenzo Nibali si aggiudicò la vittoria nella classifica generale.

Nell'agosto 1998, Pantani capitalizzò la vittoria del Tour, conquistando la classifica generale dell'À travers Lausanne, dinanzi a un pubblico stimato in oltre 30.000 persone. 

Ai principi della stagione 1999, Pantani replicò il successo dell'anno prima nell'arrivo in salita della Vuelta a Murcia (stavolta al Collado Bermejo), aggiudicandosi in questo caso anche la classifica finale della kermesse. Addirittura nella Milano-Sanremo attaccò sulla salita della Cipressa e, pur dovendo far i conti col vento contrario, provò fino all'ultimo a vincere, pur su di un percorso poco adatto alle sue caratteristiche da scalatore. In generale, il Pirata si dimostrò pimpante per tutta la primavera, destando ottime impressioni in diverse delle gare propedeutiche alle principali corse a tappe della stagione, quali la Semana Catalana, la Vuelta al País Vasco e il Giro del Trentino, dove arrivò terzo a soli 7'' dal vincitore Paolo Savoldelli.

Pantani confermò le buone sensazioni anche nel successivo Giro d'Italia, obiettivo primario della sua stagione: diversamente dall'anno precedente, già sugli Appennini diede prova di notevole brillantezza, giungendo quarto al traguardo nella tappa del Monte Sirino e vincendo per distacco la frazione con arrivo al Gran Sasso d'Italia, nella quale conquistò la maglia rosa. In quell'occasione, partì ai 2 km dall'arrivo in condizioni così estreme (neve, freddo e strada ghiacciata) da rendere addirittura impossibile agli operatori Rai filmare la gran parte della tappa; Ivan Gotti fu l'unico a tentare di resistere inizialmente ai suoi attacchi, finendo comunque staccato.

Tuttavia, all'indomani, nella successiva frazione a cronometro attraverso la città di Ancona, per soli 2 centesimi di secondo, il Pirata cedette la maglia rosa al campione francese Laurent Jalabert, vincitore di tappa.

Pantani tornò a vestire di rosa il 29 maggio, in occasione della tappa con ascesa del Colle Fauniera, salita inedita del Giro; pur rimanendo staccato in discesa dallo specialista Paolo Savoldelli (che lo avvicinò notevolmente in classifica generale), regolò Daniel Clavero e Ivan Gotti nello sprint per il secondo posto e si riaggiudicò la maglia più importante.

Nella successiva tappa con arrivo al Santuario di Oropa, gli avversari approfittarono di un salto di catena occorsogli ai piedi della salita per attaccarne il primato; il Pirata, scoraggiato e innervosito dall'incidente, fu scortato dal treno della Mercatone Uno che lo aiutò a rientrare sulla retroguardia del gruppo, dopodiché, risollevatosi nel morale e ritrovata una pedalata più brillante, riuscì a recuperare uno per uno tutti gli avversari, arrivando in solitaria al traguardo di Oropa. Qui, peraltro, non esultò, credendo erroneamente di non aver ripreso tutti gli avversari e, perciò, di non esser transitato per primo all'arrivo al Santuario.

Nella successive tappe prealpine che precedevano il gran finale, il Pirata controllò soprattutto i suoi avversari più agguerriti, quali Jalabert e Savoldelli: giunse secondo allo sprint dietro il francese nella frazione Biella-Lumezzane[ e limitò i danni nella cronometro di Treviso. Arrivò, così, al massimo della forma a giocarsi la vittoria finale nel trittico di tappe alpine, nelle quale era da più parti dato per favorito.

Vinse la prima sfida all'Alpe di Pampeago, mettendo circa 3' tra sé e il diretto inseguitore Savoldelli e balzando addirittura in testa alla classifica della maglia ciclamino (generalmente appannaggio dei velocisti). Nella tappa seguente, nonostante i piani di squadra fossero conservativi, gli scatti tentati da due uomini di classifica quali Laurent Jalabert e Gilberto Simoni lo indussero a sferrare un micidiale contrattacco, rivelatosi decisivo per le sorti della gara: Pantani transitò primo sul traguardo di Madonna di Campiglio, con almeno un minuto di vantaggio su tutti i suoi principali inseguitori, e rinsaldò anche il vantaggio nella classifica scalatori. Ciò provocò qualche malumore tra i corridori[24], alcuni dei quali non gradirono l'ennesimo assolo del Pirata al Giro 1999. 

«Non sono il pilota di Jalabert attraverso le montagne, quindi me ne sono andato. Non rubo nulla a nessuno, le mie vittorie sono tutte sudate. E poi, quando ero io a essere in difficoltà, nessuno m' ha mai regalato nulla.»

(Marco Pantani, argomentando le sue ragioni dopo la vittoria a Madonna di Campiglio)

Alla vigilia dell'ultima tappa, sembrava che nessuno ormai potesse sfilargli la vittoria finale: il Pirata era, infatti, primo in classifica con 5'38" sul secondo, Paolo Savoldelli (che stava accusando un netto calo di forma già dalla tappa di Pampeago), e 6'12" su Ivan Gotti, che non era mai riuscito a staccarlo dall'inizio del Giro. Inoltre, la tappa successiva, ultima realmente in grado di smuovere la classifica, presentava caratteristiche altimetriche a lui congeniali: partenza da Madonna di Campiglio e arrivo all'Aprica con scalata del Mortirolo - già teatro di una delle sue prime vittorie -, per un totale di oltre 50 km di strada in salita e più di 4500 m di dislivello.

Le cose cambiarono per Pantani proprio il 5 giugno a Madonna di Campiglio: alle ore 10:10 locali, furono resi pubblici i risultati dei consueti controlli, svolti dai medici dell'UCI in quella stessa mattinata sugli atleti di classifica. Tali test riscontravano nel sangue di Pantani una concentrazione di globuli rossi superiore al consentito: il valore di ematocrito rilevato al romagnolo era infatti del 51,8%, di poco superiore al margine di tolleranza dell'1% sul limite massimo consentito dai regolamenti, 50%. Nell'occasione, Pantani, pur non risultando positivo a un controllo antidoping, fu comunque legittimamente escluso dalla corsa a scopo precauzionale, in base ai regolamenti sportivi da poco tempo introdotti a tutela della salute dei corridori. La sospensione di 15 giorni causò l'esclusione immediata dalla "Corsa rosa". A questa notizia, la squadra del Pirata si ritirò in blocco dal Giro. Paolo Savoldelli, nonostante fosse subentrato al primo posto in classifica, rifiutò di indossare la maglia rosa alla partenza della tappa del Mortirolo, rischiando una squalifica. La tappa fu poi vinta dallo spagnolo Roberto Heras, mentre la maglia passò a Ivan Gotti, che la portò fino all'indomani, trionfando a Milano. Secondo Andrea Agostini, all'epoca addetto all'ufficio stampa della Mercatone Uno, Pantani effettuò due controlli: il venerdì sera (in autonomia, come era prassi consolidata al tempo tra i corridori) e il sabato pomeriggio, quest'ultimo in un centro medico specializzato di Imola. Entrambi evidenziarono un valore di ematocrito attorno a 48%, quindi nettamente entro i limiti stabiliti dai regolamenti. A posteriori, alcuni membri del suo entourage dichiararono che già la sera prima in albergo circolasse la voce che Marco non sarebbe partito all'indomani. 

Collegamenti successivi del Pirata con le pratiche di doping risultarono, invece, da altre dichiarazioni. In particolare, Jesús Manzano, reo confesso, citò Pantani in un contesto in cui si segnalavano diverse pratiche scorrette di vari ciclisti di alto livello degli anni Novanta, nonché di organizzatori, tecnici e sponsor. Successivamente, sarebbero emerse anche le dichiarazioni della danese Christina Jonsson, fidanzata con Pantani per sette anni, che in un'intervista al periodico svizzero L'Hebdò riferì di come il ciclista cesenaticense facesse uso regolare di sostanze dopanti. Il fatto che Pantani facesse uso di doping, come peraltro molti all'epoca, non sarebbe mai stata accettata come tesi dalla famiglia del ciclista, che arrivò a minacciare querele per chiunque avesse associato il Pirata ad esso. 

D'altro canto, furono anche alimentati dei dubbi su di un'eventuale congiura ai danni di Marco Pantani. In una lettera di Renato Vallanzasca del giorno 8 novembre 2007, indirizzata a Tonina, madre del ciclista, il famoso boss della mala milanese sostenne che un suo amico, habitué delle scommesse clandestine (peraltro intercettato al telefono da successive indagini), lo avesse avvicinato cinque giorni prima dei fatti di Madonna di Campiglio, consigliandogli di scommettere sulla sconfitta di Pantani per la classifica finale e assicurandogli «il Giro non lo vincerà sicuramente lui». A detta di molti, la carriera ad alti livelli di Pantani si concluse con tale episodio. Dopo aver spaccato per l'ira un vetro nell'albergo, accerchiato dai giornalisti e accompagnato dai Carabinieri mentre stava per lasciare la corsa, pronunciò una frase profetica:

«Mi sono rialzato, dopo tanti infortuni, e sono tornato a correre. Questa volta, però, abbiamo toccato il fondo. Rialzarsi sarà per me molto difficile.»

(Marco Pantani)

Pantani, che inizialmente non aveva nel mirino il successivo Tour de France, rinunciò comunque a parteciparvi, anche se la sospensione di quindici giorni comminatagli glielo avrebbe consentito e nonostante l'incitamento del suo direttore sportivo, Giuseppe Martinelli, convinto che una vittoria alla Grande Boucle avrebbe fugato ogni polemica sul Pirata. Nel periodo successivo ai fatti di Madonna di Campiglio, braccato dai media e in preda a una forte depressione, rimase a lungo chiuso in casa, allontanandosi dal ciclismo e cadendo nella spirale della cocaina

Pantani tornò a correre soltanto nel 2000, palesando fin dal ritiro alle Isole Canarie precarie condizioni di forma e notevoli difficoltà psicologiche. I diversi forfait nelle principali gare di avvicinamento al Giro d'Italia fecero sì che la sua preparazione per il Giro fosse sempre più frammentata, fino a diventare inesistente. Nel marzo del 2000, con una lettera aperta, annunciò di volersi allontanare a tempo indeterminato dalle corse. Riuscì in un primo momento a superare il problema della dipendenza da cocaina ma, in vista della Corsa Rosa, la preparazione fisica non era adatta a una competizione così dura. Ormai nella Mercatone Uno si pensava a un Giro senza Pantani. I nove posti destinati al team romagnolo per la Corsa Rosa erano così destinati: l'emergente Stefano Garzelli promosso con i gradi di capitano e, dietro di lui, una batteria di gregari composta da Daniele De PaoliMarco VeloEnrico ZainaErmanno BrignoliSimone BorgheresiRiccardo ForconiFabiano Fontanelli e Massimo Podenzana. A pochi giorni dal via, quest'ultimo fu escluso per far posto a Pantani.

La prova del Pirata non fu all'altezza delle precedenti edizioni, e ciò per via di una forma non ottimale, che comportava grande difficoltà del romagnolo nel reggere il passo dei migliori in salita. Pantani tornò ai suoi livelli nella sola tappa Saluzzo-Briançon, che prevedeva l'ascesa al Colle dell'Izoard, montagna del Tour de France prestata per esigenze organizzative al Giro d'Italia: rimasto inizialmente staccato sulla salita del Colle dell'Agnello, rientrò sui migliori proprio sull'Izoard e lavorò da gregario per il suo capitano, rispondendo agli attacchi di Francesco Casagrande e, soprattutto, Gilberto Simoni, così da neutralizzarli e fiaccarne la resistenza. Una volta scortato il futuro leader della corsa Garzelli al Gran Premio della Montagna, si gettò a capofitto nella discesa di Briançon, cogliendo un secondo posto di tappa importante per il morale. 

Pur non ancora al top della forma, Pantani affrontò quindi il successivo Tour de France con buon entusiasmo, stimolato dal possibile scontro in salita con Lance Armstrong (già primo nel 1999 e futuro vincitore incontrastato delle seguenti edizioni - vittorie tutte poi revocategli per doping). Il Pirata provò ad attaccare già nella prima frazione pirenaica, con arrivo a Lourdes-Hautacam: partito in progressione, sul successivo contrattacco del rivale texano, riuscì a tenerne il passo solo per breve tempo, andando in crisi nel tentativo di stargli a ruota e pagando 5' di distacco da lui all'arrivo. Tre giorni più tardi, il 13 luglio, nella tappa del Mont Ventoux, Pantani faticò nuovamente a tenere il passo dei migliori nelle fasi iniziali della salita, rimanendo ancora staccato; recuperati i battistrada (similmente a come fatto al Giro sull'ascesa dell'Izoard), scattò a ripetizione nella salita del "Monte Calvo", lasciando sul posto gli avversari. Il solo Armstrong, in maglia gialla, lo riprese a 5 km dall'arrivo e provò a staccarlo, ma Pantani resisté al forcing del campione in carica, arrivò in vetta appaiato a lui e tagliò per primo il traguardo. A margine di una successiva intervista, Armstrong dichiarò apertamente di aver fatto un errore nel regalare la vittoria al Pirata; ciò accese ulteriormente la rivalità tra i due, che continuarono a darsi battaglia sulle Alpi, non lesinando schermaglie verbali e dichiarazioni al vetriolo. Due giorni più tardi, sull'Izoard si ripropose il duello del Ventoux: Pantani e Armstrong provarono a staccarsi l'uno con l'altro senza riuscirci. Nell'ultimo strappo che portava a Briançon - in una sorta di revival della tappa corsa nel precedente Giro d'Italia - Pantani allungò, cogliendo un terzo posto di tappa.

Galvanizzato da una classifica notevolmente migliorata, Pantani si ripeté ancora all'indomani, nella tappa con arrivo a Courchevel: ai suoi primi attacchi a 16 km dall'arrivo, risposero Virenque (staccatosi presto), Armstrong e, successivamente, anche Heras e Javier Otxoa. Pantani, allora, piazzò lo scatto decisivo a 5 km dal traguardo, fiaccando il suo antagonista e facendo il vuoto. Raggiunse e superò nettamente anche il battistrada José María Jiménez, in fuga dalla mattina, vincendo la tappa in solitaria con 51" di vantaggio su Armstrong; questa vittoria, a posteriori, gli avrebbe permesso di entrare nel novero dei pochissimi corridori in grado di staccare il ciclista texano durante il suo periodo d'oro al Tour de France.

Sesto in classifica generale, ma con ancora nove minuti da recuperare sulla maglia gialla, all'indomani Pantani cercò un complicato assalto alla maglia gialla nell'ultima tappa di montagna, con arrivo a Morzine e l'ascesa di cinque alture. Benché fosse stato coinvolto in una caduta dopo appena 4 km, Pantani partì a più di 130 km dal traguardo; Ullrich e Virenque provarono invano a stargli dietro, ma il Pirata riuscì ad andar via e accumulare poco meno di 2' di vantaggio sul gruppo della maglia gialla, creando scompiglio nel gruppo maglia gialla. A causa di un'eccessiva improvvisazione dell'azione e della scarsa collaborazione dei suoi colleghi di fuga (in particolare, di Pascal Hervé, gregario di Virenque), il romagnolo fu ripreso dal plotone ai piedi dell'ultima salita. L'enorme sforzo profuso da Pantani (che, per non perdere secondi, si era anche mal alimentato), gli provocò una forte crisi, con annessa dissenteria, che lo portò al ritiro, non prima di esser transitato a 13'44" dal vincitore di tappa, Richard Virenque. Ci fu chi sostenne che Pantani decise di ritirarsi per evitare il controllo anti-doping del giorno successivo. In realtà, anche molti altri uomini di classifica andarono in crisi in quella tappa proprio per l'eccesso di foga e gli enormi sforzi psico-fisici profusi nel ricucire il distacco tra il gruppo maglia gialla e il fuggitivo Pantani; lo stesso Armstrong sarebbe arrivato al traguardo molto provato dopo esser stato attaccato da tutti gli altri avversari e con oltre 2' di ritardo dal vincitore Virenque. 

«Ho provato a far saltare il Tour, sono saltato io»

(Marco Pantani, 18 luglio 2000)

Il Tour di quell'anno fu l'ultimo che vide ai nastri di partenza Marco Pantani, la cui squadra nelle successive edizioni non fu più invitata dal patron della kermesse, Jean-Marie Leblanc: a suo dire, infatti, il Pirata non avrebbe offerto sufficienti garanzie di competitività. 

Nel corso dell'anno, Pantani ottenne ancora altre due vittorie nei Criterium, fra cui l'Acht van Chaam. Non riuscì, invece, a incidere nella gara su strada delle Olimpiadi 2000, dalla quale si ritirò. 

Ormai sempre più prostrato nel morale, fu coinvolto in varie querelle giudiziarie, tra cui un processo per concorso in frode sportiva intentato nei suoi confronti per fatti risalenti alla Milano-Torino del 1995 (la gara nella quale si era gravemente infortunato, rimanendo fermo un anno). 

Sotto i peggiori auspici, partecipò al Giro d'Italia 2001, durante il quale faticò e si ritirò prima della 19ª tappa. Anche alla Vuelta non riuscì a incidere, ritirandosi nella seconda settimana di gare, chiudendo anticipatamente la stagione.

Separatosi anche dal suo storico direttore sportivo Beppe Martinelli, nel 2002 collezionò un'altra annata incolore, caratterizzata dalla coda del processo, nel quale fu assolto per la non sussistenza del reato all'epoca dei fatti, ma con la conferma dell'uso di sostanze dopanti e uno stop impostogli dagli organi federali per alcuni mesi.

Nel 2003, dopo esser stato vicino alla realizzazione di una nuova squadra con il fresco campione del mondo Mario Cipollini, ripartì ancora per un anno con i gradi di capitano della Mercatone Uno. Con una squadra rinnovata negli interpreti e arricchita dai ritorni del suo gregario storico Roberto Conti e dal ricongiungimento col suo vecchio direttore sportivo in CarreraDavide Boifava, Pantani tornò a preparare con entusiasmo la stagione agonistica, mettendo nel mirino Giro e Tour.

Al Giro d'Italia confermò un buono stato di forma psico-fisica, riuscendo a rimanere in più occasioni con i migliori e provando in varie occasioni a vincere una tappa. Si distinse in particolare sul Monte Zoncolan, dove fu l'unico a reagire all'attacco sferrato da Gilberto Simoni. Il Pirata andò all'inseguimento del futuro vincitore del Giro, prima di crollare negli ultimi cento metri, finendo raggiunto da Garzelli, Casagrande e Jaroslav Popovyč. Finì quinto, a 43" da Simoni. 

Nonostante un passaggio a vuoto sulle dure rampe dell'Alpe di Pampeago, riuscì a issarsi fino al 9º posto in graduatoria. Provò quindi ad attaccare nuovamente la maglia rosa, ma dovette rinunciare alle sue ambizioni di podio a causa di una sfortunata caduta in discesa nella tappa di Chianale, causata da una scivolata del ciclista che lo precedeva, Stefano Garzelli, per colpa della quale arrivò decisamente staccato al traguardo, perdendo diverse posizioni in classifica. Il 30 maggio, a 5 km dalla conclusione della tappa di Cascata del Toce, piazzò gli ultimi scatti in salita della sua carriera: dopo ben cinque accelerazioni nell'arco di un paio di chilometri, tuttavia, finì per esser ripreso dalla maglia rosa Gilberto Simoni, finendo 12º a 44'' dal vincitore. Pur non riuscendo a vincere alcuna tappa, la sua lotta testa a testa con i migliori alimentò un certo ottimismo e gli permise di terminare il Giro al 14º posto in classifica generale (diventato 13° dopo la squalifica di Raimondas Rumšas), miglior risultato personale in una corsa a tappe dalla Vuelta a Murcia 1999.

In un'ultima intervista televisiva al termine del Giro d'Italia, diede quasi per certa la sua partecipazione al Tour de France con un'altra formazione, in modo da aggirare l'esclusione della Mercatone Uno dalla Grande Boucle; tuttavia, l'accordo con il Team Bianchi di Jan Ullrich saltò e Pantani rimase fuori dal Tour per il terzo anno consecutivo. Nella seconda metà di giugno 2003, Pantani entrò nella clinica "Parco dei Tigli" di Teolo in Veneto, specializzata nella cura della depressione e della dipendenza da alcol, uscendone ai primi di luglio per continuare le cure con i medici personali. In seguito rinunciò al prosieguo della stagione, non prendendo parte alla Vuelta, alla quale era atteso alla sua terza partecipazione.

Nel febbraio 2004, mentre i genitori partivano per una vacanza in Grecia, il Pirata affermò di voler andare in vacanza in montagna passando da Milano. Secondo la testimonianza della madre fece le valigie portando tre giubbotti, di cui uno da sci, che però avrebbe lasciato in albergo a Milano, quando, cambiata idea, decise di rientrare verso Rimini. Secondo quanto dichiarato da un tassista, il bagaglio di Pantani era costituito unicamente da una piccola busta in plastica, contenente medicinali. Nonostante ciò, i tre giubbotti furono trovati nella stanza del residence dove il ciclista alloggiava; non è appurato chi li portò, dal momento che vi si era diretto solo il 10 febbraio.

A Rimini, Marco Pantani prese alloggio inizialmente per una notte, poi per quattro, presso il residence "Le Rose".La sera del 14 febbraio 2004 fu ritrovato morto nella stanza D5 dell'edificio, oggi non più esistente perché demolito e sostituito da un hotel che porta lo stesso nome. L'autopsia rivelò che la morte era avvenuta fra le 11:30 e le 12:30 e causata da un edema polmonare e cerebrale, conseguente a un'overdose di cocaina e, secondo una perizia effettuata in seguito, anche da psicofarmaci. La morte di Pantani lasciò sgomenti tutti gli appassionati delle due ruote, per la perdita di un grande corridore, uno degli sportivi italiani più popolari del dopoguerra, protagonista di tante imprese. Il Pirata riposa nel cimitero di Cesenatico, in un'edicola decorata da una vetrata artistica riproducente un particolare del Compianto su Cristo morto di Alessandro Tiarini.

All'indomani della sua morte, il Milan — squadra di cui Pantani era grande tifoso — indossò la fascia nera al braccio in segno di lutto, nella partita di campionato contro il Lecce. Prima del fischio d'inizio, il capitano Paolo Maldini richiese all'arbitro un minuto di silenzio, iniziativa accolta con un lungo applauso dai sostenitori presenti al "Via del mare". Per ricordare le sue doti di scalatore, dal 2004 il Giro d'Italia assegna ogni anno a una salita il titolo di "Montagna Pantani", onore concesso fino ad allora soltanto al "Campionissimo" Fausto Coppi: mentre la "Cima Coppi" è il passo più alto percorso dal Giro, la "Montagna Pantani" è la salita più impegnativa e significativa della manifestazione.

Nel maggio del 2006 è stata installata a Mazzo di Valtellina, precisamente all'ottavo km della salita del Passo del Mortirolo (dove Pantani aveva centrato la prima vittoria in carriera al Giro d'Italia), una scultura realizzata da Alberto Pasqual, raffigurante il campione romagnolo: Pantani è ritratto nell'atto di scattare con le mani basse sul manubrio e voltarsi a controllare gli avversari che ha staccato. Nel mese di novembre del 2010, fu esposta al Museo del Ghisallo la maglia gialla di Pantani ottenuta al Tour del 1998; in seguito la maglia fu rubata e mai più ritrovata. Del furto sono stati accusati i due custodi del Salone del Ciclo e Motociclo della Fiera di Rho, che avrebbero poi rivenduto lo storico cimelio del Pirata

Nel giugno del 2011, fu inaugurata una stele commemorativa sul Col du Galibier, teatro di una memorabile impresa che era valsa al Pirata vittoria di tappa e maglia gialla al Tour del '98. Altri monumenti in onore di Marco Pantani sono presenti anche in una piazza della città di Aulla, in prossimità del Colle Fauniera (altro luogo iconico di una tappa significativa del Giro 1999), oltre che nella sua città natale, Cesenatico. Altri due monumenti al Pirata sono presenti nel comune di Carpegna. Il primo è in località Cippo, ai piedi del Monte Carpegna: su questa salita, proposta diverse volte nell'itinerario del Giro d'Italia, Pantani era solito allenarsi in preparazione delle grandi corse a tappe. Un altro monumento commemorativo è posto proprio in cima alla salita.

La madre di Marco Pantani, Tonina, afferma che il modo scelto dal figlio per assumere la droga o per suicidarsi, ossia l'ingestione di cocaina, non parrebbe verosimile, in quanto sarebbe morto prima di assumere tutta quella quantità, sei volte la dose letale. Inoltre, se avesse assunto una tale quantità di cocaina come quella ritrovata nello stomaco mangiandola, avrebbe avuto un edema della gola prima di riuscire a inghiottirla tutta. La signora Pantani sostiene da sempre che il figlio sia stato assassinato simulando un'overdose, probabilmente per farlo tacere riguardo a qualche scomodo segreto, forse legato al doping nel ciclismo e alla sua squalifica del 1999, con l'emerso collegamento col mondo delle scommesse truccate, oppure per qualcosa di relativo all'ambiente della droga, di cui sarebbe venuto a conoscenza. 

Tonina Pantani ha richiesto più volte la riapertura dell'indagine archiviata, sostenendo che le firme per il prelievo dei soldi, che Pantani avrebbe usato per comprare la droga, sarebbero falsificate e che non c'era traccia di droga nella camera del residence, come ci si aspetterebbe dalla stanza di un tossicodipendente che ne fa uso abituale e che il ciclista, a suo parere, non era più dipendente dalla cocaina, né voleva suicidarsi. Pantani aveva inoltre chiesto alla reception di chiamare i Carabinieri, la seconda volta poco prima dell'ora della morte, poiché, a suo dire, alcune persone lo stavano infastidendo. In nessuna delle due entrate del residence erano presenti telecamere di sicurezza, così fu impossibile rilevare l'eventuale presenza di estranei accedere alla porta di Pantani. L'unico processo celebrato fu a carico di spacciatori (Fabio Carlino, Ciro Veneruso, Fabio Miradossa, Elena Korovina detta Barbara, presunta ultima amante del Pirata) per cessione di stupefacenti con l'aggravante per tre di loro di omicidio colposo, per aver provocato la morte del cessionario, ma furono condannati a pene basse solo per spaccio, mentre uno fu assolto. 

Tonina, gli avvocati della famiglia e altri come il giornalista Davide De Zan (amico di Pantani) hanno sempre sostenuto che la stanza era stata messa di proposito in disordine dalle persone responsabili del presunto omicidio volontario (in particolare che il disordine causato fosse inverosimile per una persona sola in preda ad un'overdose o che cercava droga precedentemente nascosta, come fu sostenuto dalla procura, e che fosse un "disordine ordinato" in quanto non vi era nulla di rotto, nemmeno oggetti fragili caduti per terra), c'erano residui di cibo cinese, che Pantani non mangiava mai, una (o forse due) mollica di pane e cocaina non rigurgitata e come posta in seguito, poiché bianca al 97 % in mezzo al sangue fuoriuscito dal volto del ciclista caduto a faccia in giù; essa non era presente al momento dell'intervento degli infermieri, secondo la testimonianza di questi; non vi era nessuna bottiglietta d'acqua per ingerire la dose di cocaina accanto al corpo, e c'erano alcuni lividi sospetti sulla testa del ciclista, tali da far supporre un'aggressione di più persone, per forzarlo a bere l'acqua con la cocaina, ed escoriazioni compatibili con un trascinamento del corpo fino al soppalco. La posizione del corpo sarebbe apparsa irregolare con alcune risultanze autoptiche, come il peso dei polmoni. 

Dal filmato si notò poi in realtà che era presente una bottiglia semivuota, ma appoggiata su un mobile, lontano dal corpo, con attorno della polvere bianca, ma essa venne ignorata e non analizzata. Non vennero rilevate le impronte né sulla bottiglia, né sulla televisione o sulla specchiera appoggiate (e non cadute) per terra, senza alcun danno ai vetri. Tonina ha lamentato inoltre l'asportazione del cuore di Pantani da parte del medico legale, il quale ha sempre sostenuto la tesi dell'overdose citando anche alcuni appunti del Pirata, che denotavano uno stato mentale alterato. Secondo la prima testimonianza anche il lavandino era divelto, mentre dal filmato dei Carabinieri tale lavandino risulta riposizionato perfettamente al suo posto nel bagno. Il 2 agosto 2014 viene reso noto che la Procura della Repubblica di Rimini, a seguito di un esposto presentato dai familiari di Pantani e dall'avvocato Antonio De Rensis, ha riaperto le indagini sulla morte del ciclista con l'ipotesi di reato di "omicidio volontario". La procura chiese però l'archiviazione delle stesse nel settembre 2015 con la motivazione che la sua morte fu causata da suicidio o overdose accidentale, e non da omicidio. 

Il 14 marzo 2016, essendoci in corso un'inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Forlì, viene diffusa da Premium Sport un'intercettazione di un detenuto vicino ad ambienti legati alle scommesse clandestine, il quale, riferendosi all'episodio di Madonna di Campiglio, implicherebbe un intervento della camorra nell'esclusione di Pantani dal Giro d'Italia 1999; il sangue del ciclista sarebbe stato deplasmato. Il giorno successivo Premium Sport rende pubblica una nuova intercettazione, in cui Augusto La Torre, boss di Mondragone, parlando con la figlia confermerebbe il coinvolgimento della malavita nel caso Pantani, accusando l'alleanza di Secondigliano. Queste dichiarazioni coincidevano con quelle già fatte da Renato Vallanzasca nel 2007.

Il 17 marzo emerge la dichiarazione dell'autista di Wim Jeremiasse, responsabile del controllo antidoping a Madonna di Campiglio, il quale confermerebbe la presenza dell'ispettore nella mattinata del 5 giugno 1999. La testimonianza non coinciderebbe con quella resa al processo di Trento dai medici che effettuarono il prelievo ematico a Pantani; essi non menzionarono la presenza di Jeremiasse. La Procura della Repubblica di Forlì, che indagava sul caso, concluse che “un clan camorristico minacciò un medico per costringerlo ad alterare il test e far risultare Pantani fuori norma“, utilizzando probabilmente la tecnica della deplasmazione, che causa l'aumento di ematocrito ma la diminuzione drastica di piastrine, come rinvenuto nella provetta.; il GUP però dovette richiedere l'archiviazione delle indagini a causa dell'intervenuta prescrizione dei reati.

Il 16 aprile 2019, su mandato della famiglia Pantani, l'ex generale di brigata della Guardia di Finanza Umberto Rapetto, insieme all'avvocato Cocco, ha consegnato un dossier di 56 pagine per chiedere una nuova inchiesta alla Commissione Parlamentare Antimafia. Il generale ha testimoniato in audizione davanti ad essa affermando che, dalle analisi effettuate sulla repertazione e i filmati, qualcuno era presente nella stanza al momento del decesso del ciclista (al contrario di quanto affermato da tutte le inchieste) e che il corpo fu spostato nel periodo tra la morte e il rinvenimento da parte del portiere del residence (il quale dovette forzare la porta ostruita dall'interno da un mobile).