Francesco Jovine incontra Dante nel suggestivo sfondo di Santa Maria della Strada

DIRETTA

Covid, altri due decessi: muoiono il padre dell'assessore Marone e l'imprenditore Remo Donatelli

Altri due decessi per Covid oggi. Uno di Campomarino e l'altro di Termoli, padre dell'assessore leghista Michele Marone. L'altro l'imprenditore della ristorazione al Lido Remo Donatelli. 

Il padre di Marone è stato ricordato con due messaggi dal coordinatore della Lega Yari Colla e dal  sindsco di Termoli e presidente della provincia Francesco Roberti. 
"A nome di tutti gli iscritti - sottolinea il deputato Colla-  esprimo profondo cordoglio all’Assessore Michele Marone per la perdita dell’amato padre. La comunità della Lega si unisce al dolore di Michele e della famiglia in questo momento di profondo dolore. Un abbraccio da parte di tutti noi a Michele e ai suoi familiari”.
"Il sindaco di Termoli e Presidente della Provincia di Campobasso, Francesco Roberti- aggionge Roberti-  unitamente al Consiglio comunale di Termoli e del Consiglio Provinciale di Palazzo Magno, si unisce al cordoglio dell’assessore regionale Michele Marone per la scomparsa dell’amato padre. All’assessore Marone e alla sua famiglia giungano le condoglianze da parte delle amministrazioni comunale di Termoli e provinciale di Campobasso".

Per Remo Donatelli si esprime l'amministrazione di Campomarino.
"Si aggrava pesantemente il bilancio delle vittime per Coronavirus a Campomarino- sottolineano in una nota-  appena giunta la notizia della morte del concittadino e amico Remo Donatelli. Operatore del settore della ristorazione, è stato per oltre 40 anni una consuetudine per i turisti del lido di Campomarino e non solo. E un pensiero va anche alla famiglia Cimini per la scomparsa del caro Nicola.
A Remo, Nicola e ai loro familiari le più sentite condoglianze personali e di tutta l’amministrazione.
Colgo per l’ennesima volta l’occasione per rivolgere un monito a tutti i miei concittadini, l’emergenza non è affatto passata e l’unico modo per superare il tragico momento è continuare a rispettare rigidamente le regole imposte dal protocollo".