Sono passate altre 24 ore e sulla riapertura del Vietri non è ancora stato deciso nulla, come se i tempi della pandemia non li decidesse il virus ma la politica. E' quanto viene dichiarato dal consigliere regionale del Partito Democratico, Vittorino Facciolla: "Oggi a tal riguardo è atteso il placet del sub comissario Grossi che, incurante dell'emergenza, continua a litigare con il commissario Giustini: al centro della questione c'è da parte della Grossi una forte, quanto incomprensibile, ostinazione a non riaprire il Vietri. Questa è la politica che a livello dei decisori continua ad essere inconcludente ed incapace di assumere responsabilità e azioni. Per non parlare di un Ministero che continua con gravi responsabilità ad ignorare la situazione Molise. E in questo caos Toma che fa? Dimentica ogni volta che gli fa comodo di essere presidente della Regione e a distanza di un anno accetta finalmente di ascoltare i sindaci che da tempo gli chiedono un incontro e che, di fatto, ha lasciato soli per 12 mesi a combattere a mani nude! E nel vortice comunicativo, - conclude Facciolla - dove non esistono informazioni ufficiali ma solo fughe di notizie e proclami da campagna elettorale, si inserisce anche il sindaco di Termoli che in preda ad un raptus da salvatore della patria promette un'ordinanza (che non ha alcun valore) per reperire posti letto, che puntualmente non arrivano".