Intervista alla Consigliera regionale Aida Romagnuolo: dimiettiamoci tutti

DIRETTA

Covid 19, Giustini firma per Larino, il provvedimento dopo la diffida dei sindaci e il trasferimento a Termoli di molti pazienti

Il commissario ad acta della sanità molisana Angelo Giustini  al termine di una lunga trattativa, ha firrmato per la riapertura del Vietri di Larino per i malati Covid. Una attesa durata circa un anno e arrivata dopo una serie di lunghe e convulse ore di emergenza Covid in Molise. Ma la gestione della cosa è ancora confusa. Il pubblico, secondo indiscrezioni,  vorrebbe che la neuromed dovrebbe fare i lavori, ma tocca alla struttura regionale farlo accettando le offerte di Neuromed. 

Ma la subcommissaria Grossi ha stoppato il decreto facendo slittare tutto a un vertice romano di domani. Intanto il presidente Toma ha stretto ulteriori accordi per 56 posti letto al Gemelli Molise. Un caos che dovrebbe risolversi nelle prossime 24 ore.

In precedenza infatti la dirigente Asrem Scafarto aveva chiesto  proprio a Giustini di attivare la cosiddetta fase 5 perchè i posti letto al Cardarelli di Campobasso erano esauriti. Infatti con l'ospedale che scoppia i malati del bassomolise sono stati trasferiti a Termoli. 

A questa decisione si erano opposti i sindaci dei Comuni di Termoli, Acquaviva Collecroce,  Campomarino, Castelmauro, Civitacampomarano, Guardialfiera, Guglionesi, Lupara, Mafalda, Montecilfone Montefalcone nel Sannio, Montemitro, Montenero di Bisaccia, Palata, Petacciato, Portocannone, San Giacomo degli Schiavoni, San Felice del Molise, Tavenna che in precedenza avevano diffidato la ASREM, in persona del proprio Direttore generale pro tempore a voler provvedere, entro il più breve termine, al fine di restituire all’Ospedale Civile di Termoli, San Timoteo, la funzionalità minima necessaria a garantire il pubblico servizio, oggi ripetutamente interrotto per effetto delle scelte gestionali e delle soluzione adottate (o non adottate) con riguardo alla gestione della pandemia Covid. 

Per questo motivo hanno chiestoagli organi competenti, ovvero al Presidente della Giunta Regionale ed al Commissario ad acta della sanità nella Regione Molise, di adottare, ciascuno per quanto di propria competenza, tutti i poteri di avocazione,- la immediata riapertura del Vietri di Larino, o altra struttura, come ulteriore sfogo per i pazienti Covid alla luce della notevole pressione che insiste sul Cardarelli, considerato che vengono meno, vista la nota di disponibilità della Neuromed, gli impedimenti della mancanza di personale ed attrezzatura. In attesa di un rapido riscontro, si diffida ad adempiere nel più breve tempo possibile a quanto richiesto.