Francesco Jovine incontra Dante nel suggestivo sfondo di Santa Maria della Strada

DIRETTA

Molise che... tornerai... a sorridere #molisechetorni

#moliseche... tornerai !
25 Febbraio 2020 - 25 Febbraio 2021
E' passato un anno,un anno esatto. Un anno esatto dal giorno in cui le nostre vite sono cambiate per sempre.
E' passato un anno dal giorno in cui tutti i TG nazionali annunciavano l'arrivo del Covid 19 anche nella nostra nazione. Un anno esatto, forse un un pò di meno, dal giorno in cui il Covid ha fatto la sua comparsa anche nella nostra terra, nel nostro Molise. e da allora non l'ha più lasciata questa terra. 
Un anno dal giorno in cui un pò tutti, tra ansie e paure, aspettavamo le notizie quasi sempre allarmanti da tutti i nazionali. un anno in cui abbiamo contato, e continuiamo a farlo, tra lacrime e paure, i contagi ed i morti. Proprio come si fa in una guerra in cui si contano morti e feriti. Ma con la sola differenza che il nostro di nemico è più infame e bastardo. Colpisce alle spalle, e colpisce tutti. Senza distinzione di sesso,razza o età.
E' passato un anno esatto da cui questa piccola e sconosciuta regione è cominciata a diventare anch'essa nota per motivi più o meno tragici legati proprio a questa maledetta pandemia. Noi che ci siamo sempre un pò lamentati che il Molise fosse una terra sconosciuta, noi che forse, in casi come questo, avremmo preferito  rimanerci sconosciuti. Noi che ancora oggi quando sentiamo parlare della nostra regione è solo perche' siamo diventati lo zimbello del paese...
Ma questa è un'altra storia !
E' passato un anno esatto dal giorno in cui tutti coloro che vivono fuori dal nostro Molise, non vi hanno potuto più fare ritorno per via di decreti e restrizioni vari, e chissà ancora per quanto dovranno star lontano. Un anno esatto dal giorno in cui queste stesse persone si sono dovute accontentare di vedere i loro cari, i loro affetti, i loro soli, mari albe e tramonti solo attraverso fotografie o videochiamate.  Che cosa triste non poter riabracciare  i propri affettati e vedere i nostri posti solo in cartolina!
Un anno esatto dal giorno in cui questa nostra regione, già maltrattata dal tempo, dalla crisi e dall'abbandono, è stata messa ancor più in ginocchio da questo virus che oltre ai sorrisi e alle vite, uccide anche i sogni e le speranze.
Un anno in cui ancora più serrande si sono abbassate per non rialzarsi più. Un anno in cui nessuno, dai commercianti a noi persone normali, abbiamo perso la forza di lottare e anche quella di sperare. E se solamente un anno fa eravamo in casa a disegnare arcobaleni colorati con la scritta " ANDRA' TUTTO BENE " , ad un solo anno di distanza siamo una regione, un popolo, stanco, stremato, impaurito... che non ha più voglia di uscire sui balconi a cantare e che ha timore perfino a prendere un banale raffreddore, perchè se vai in ospedale a farti curare, accade che poi il virus lo becchi davvero, e dall'ospedale non ne esci più. O almeno non ne esci vivo! 
Si, anche questo è il Molise del 2021. Un Molise che rischia di non tornare. Non tornare a cantare sotto le stelle o a ballare sotto la pioggia. Un molise che rischia di non tornare più a vedere la luce del sole. 
E' passato un anno esatto dal giorno in cui i nostri sorrisi sono coperti dalle mascherine, un anno esatto da quando non possiamo più abbracciarci, baciarci, o anche solamente stringerci la mano. E chi è terrone come me, caloroso, carnale, come solo noi terroni sappiamo essere, sa quanto possa fare ancora più male la mancanza di un abbraccio.
Questa settimana, questo articolo è un pò diverso dai precedenti. E' un #moliseche un pò diverso dagli altri. Ad un anno dall'inizio da tutto, dall'inizio dalla fine, volevo farlo, sentivo il bisogno di farlo. 
Ma oggi, mentre sono qui che scrivo, che le parole mi escono dalle mani senza che neppure ci stia troppo a pensare, ecco oggi nel nostro Molise c'è il sole. Sembra quasi primavera. E quando splende il sole, il mondo sembra un posto un pò più bello, e perfino questo virus maledetto sembra fare meno paura con il sole.  
E allora oggi voglio pensare positiva ( anche se al giorno d'oggi la parola positivo fa paura), e pensare che nonostante tutto, nonostante le mascherine, noi continuiamo a sorridere. Voglio pensare che nonostante tutto, noi torneremo! più forti e calorosi di prima. 
Proprio come dice quella canzone " ... arriverà il sapore del bacio più dolce, un abbraccio che ti scalderà..." 
Ecco,io voglio pensare positivo e pensare che i baci, gli abbracci... torneranno. 
Voglio pensare ad un #moliseche... tornerà. A sorridere. 
Rossella Ciaccia