Intervista ad Angelo Contessa, Amministratore del Consorzio Stabile Build Scarl: la torre Covid si farà, Florenzano ci convochi

DIRETTA

Fanelli sul Covid: il ministro della Difesa ci assicura l'invio dell'Esercito per le terapie intensive

"Ho appena parlato telefonicamente con il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini e mi ha assicurato che invierà l’Esercito per attivare nuovi posti di terapia intensiva, così come chiesto dalla nostra mozione da poco approvata in Consiglio regionale".
Lo ha annunciato su facebook la consigliera regionale Micaela Fanelli che aggiunge: "Il Ministro mi ha assicurato che sono pronti a fare la loro parte. Da subito. Ho già informato il Presidente Toma, che si è reso disponibile ad inoltrare, domani mattina, una richiesta formale della Regione Molise. Ora è indispensabile agire con il massimo della celerità. Ora l’unica priorità è salvare vite umane e arginare la disperazione. Grazie al Ministro della Difesa Guerini e a tutti coloro che sapranno operare presto e bene per il Molise in difficoltà".

Questa mozione era stata approvata insieme ad altre tre della Regione Molise

Sono state approvate dal Consiglio Regionale le mozioni presentate dal Partito Democratico, tutte fondate sulla necessità di agire, immediatamente, per arginare l'emergenza sanitaria che sta flagellando il Molise e in particolare la zona costiera.

Accertamento delle responsabilità sulla comunicazione dei dati covid; maggiore attenzione per la scuola e più concertazione delle scelte con i sindacati e l'Ufficio scolastico regionale; potenziamento della campagna vaccinale con l'aiuto dei medici di base; interessamento dell’esercito per l'attivazione in urgenza di posti di terapia intensiva e  le necessarie operazioni tecniche per mettere in sicurezza i percorsi e gli spazi dell'ospedale San Timoteo di Termoli, sempre al fine di potenziare la Rianimazione.

“Ringrazio i colleghi per la sensibilità dimostrata quest’oggi nell’accogliere le nostre proposte – il commento del Capogruppo Pd Fanelli, prima firmataria delle prime tre mozioni – perché oggi, al di là delle polemiche, serve tempestività nelle risposte sanitarie.

Vogliamo capire quali e in che modo i dati covid vengono inviati al Ministero, vogliamo sapere i veri numeri delle nostre rianimazioni. Perché da queste informazioni dipende non solo la classificazione nazionale per zone, ma la fotografia, reale, della sofferenza ospedaliera e delle conseguenti esigenze. E sottolineiamo positivamente che – ha continuato Micaela Fanelli –  finalmente venerdì prossimo le organizzazioni sindacali saranno chiamate per valutare e decidere insieme alla Regione e all'Ufficio scolastico regionale il da farsi, sull'intero territorio regionale, così come indicato dalla nostra mozione. Proponiamo in particolare di operare con i tamponi rapidi e sperimentare a campione un sistema di tracciamento rapido per le scuole che accolgono personale e alunni provenienti da “zone rosse” regionali o extraregionali.

Infine è passata la nostra proposta di impegnare il Governatore Toma a rivolgersi all’Esercito, per l'attivazione urgente di nuovi posti letto di terapia intensiva al fine di alleggerire il peso sui nostri reparti e permettere di curare i nostri malati in loco, senza dover più attivare la rete cross per i trasferimenti fuori regione. Questa la scelta più forte e urgente, perché oltre alle strutture mobili che si stanno montando in Basso Molise, moduli senza Rianimazione, ci vengano in soccorso con mezzi e personale.

Quello che ci preoccupa ora – ha concluso il Capogruppo Fanelli -  è l’attuazione delle nostre decisioni. Soprattutto quelle che prevedono misure che possono contenere i decessi, come quelle per i posti letto.  

I molisani attendono risposte, soluzioni, certezze. Non deludiamoli ancora una volta. Non perdiamo più tempo. Non aggiungiamo disperazione al dolore. Agiamo subito, all'unisono, con competenza e serietà. Ora o mai più”