Francesco Jovine incontra Dante nel suggestivo sfondo di Santa Maria della Strada

DIRETTA

Guardialfiera, Il Centro Studi “ N.Perrazzelli “arricchisce la sua biblioteca.


Grazie ad una donazione da parte della famiglia del compianto Mario Villani, curata nei dettagli da Ester Villani, figlia del cultore musicale, collezionista stimatissimo, giornalista , amante della musica e della Juventus, grande passione amplificata dal giornalismo sportivo che, ricordiamo,insieme a Paolino Oriunno, ha fatto la storia della radio da intrattenimento, la biblioteca ed il Patrimonio del Centro Studi di Guardialfiera  si arricchisce di quasi tremila dischi e centinaia di monografie. Dal Jazz alla musica italiana, soprattutto napoletana che il Villani ebbe a collezionare nel tempo. Dischi di pregio e dal valore intrinseco decisamente importante.
Mario Villani, nacque proprio a Guardialfiera il 26 dicembre 1937 ed indissolubilmente, nonostante ebbe a lasciar la terra natia sin da bambino per trasferirsi a Napoli, Avellino, Campobasso, ha sempre coltivato rapporti con la Città d’Arte bassomolisana, con gioia e qualche rimpianto.
Laureatosi in Matematica a Napoli, nell’insegnarne doviziosamente scopi e meriti a studenti Campobassani, non ha mai messo da parte la passione per la musica e per la scrittura.
Prematuramente scomparso ha sempre meditato di poter offrire alla sua gente parte della sua passione.
A mezzo i suoi eredi, di specie sua figlia Ester, il 24 febbraio nella sede dell’Assessorato Regionale al Turismo e Cultura, alla presenza del padrone di Casa, l’Assessore Vincenzo Cotugno, grazie a sinergiche azioni riferite anche alla costituzione del Paro Letterario e del Paesaggio “ F.Jovine “, si è sottoscritti l’atto che conclama la donazione dei beni del Villani al Centro Studi.
La firma concretizza un rapporto di vicinanza tra la cultura e le menti, presenti e passate, di una Regione che stenta a decollare ma che mai smette di stupire per volontà e scoperta di personaggi del passato che hanno dato la vita per conservare sveglio il fuoco ammirevole dell’identità e dell’empatia tutta Molisana.
Una firma che sancisce oneri ed onori tanto da considerare l’impegno da parte dei sottoscrittori di istituire un premio letterario in ricordo del compianto Mario Villani.
Appena possibile verrà organizzata la cerimonia di consegna ufficiale.