Francesco Jovine incontra Dante nel suggestivo sfondo di Santa Maria della Strada

DIRETTA

Emergenza Covid Molise, il comitato qui si muore SOS Molise: " Bisogna fermare le fabbriche "

Il comitato " qui si muore SOS Molise" , lancia un'altro grido di allarme sull'emergenza Covid che sta colpendo la nostra regione ed in particolare la città di Termoli e tutto il Basso Molise. Questa volta il comitato  si rivolge al Presidente Toma e a tutta la Giunta Regionale chiedendo di prendere maggiormente in considerazione la chiusura delle fabbriche del nucleo industriale.
In basso Molise siamo in zona rossa da quasi un mese ormai e il disastro non si ferma. Ci sono sicuramente responsabilità e carenze che prescindono dalla pandemia ma ci sono anche precise scelte che possono e devono essere prese adesso.
BISOGNA FERMARE LE FABBRICHE DEL NUCLEO INDUSTRIALE. I lavoratori del nucleo si spostano da tutta la regione verso Termoli, lavorano in luoghi chiusi e in condizioni che non permettono il necessario distanziamento.
Siamo in emergenza, è tutto chiuso, non si va a scuola, non si può fare sport e continuiamo a mettere a rischio la vita di migliaia di lavoratori e delle loro famiglie. Queste sono scelte politiche e il nostro governatore Toma è responsabile in prima persona di questa situazione.  Lo stato d’emergenza nazionale dà la possibilità ai governatori di attuare misure restrittive ulteriori rispetto a quelle emanate dallo Stato quindi, a Toma, di chiudere le attività produttive non essenziali del nucleo dato il GRAVISSIMO stato in cui la regione si trova in questo momento. Già i sindacati e altre realtà politiche hanno denunciato con forza e con ogni mezzo la situazione del nucleo ma non sono stati ascoltati da nessuno, noi ci uniamo al loro grido.
Ci rivolgiamo al Governatore Toma e alla giunta regionale, fate qualcosa di utile per i molisani: CHIUDETE LE FABBRICHE. Perché vedere che nessuno fa niente mentre il solito privato si permette di vaccinare tutto il suo staff medico e televisivo, ci uccide. Ci uccide più del senso di impotenza, ci uccide più del dolore, più della rabbia."