Termoli. Inaugurati 10 posti di terapia intensiva al San Timoteo

DIRETTA

Torre Covid al Cardarelli. Qualcosa si muove, convocato il tavolo tecnico

La foltissima nebbia sulla procedura di assegnazione dei lavori inerenti alla “Torre Covid 19“ adiacente al Cardarelli di Campobasso, tende a diradarsi.

La nostra inchiesta, che ha visto l’interessamento anche di Rai Uno ( martedì 9 marzo nella trasmissione che va in onda subito dopo il tg delle 13,30 dal lunedì al venerdì,  “Oggi è un altro Giorno“ condotta da Serena Bortone, si parlerà di Sanità, le telecamere di RAI1 ci porteranno al Cardarelli di Campobasso e subito dopo a Termoli.  La trasmissione, nata per sostituire "Vieni da me" dopo la sua chiusura, nasce con l'intento di raccontare l'Italia che riparte dopo il duro colpo accusato a causa della pandemia di COVID-19, raccontando luci e ombre del Paese attraverso storie di personaggi famosi, dibattiti politico-sociali e racconti di stringente attualità ),  sull’appalto dei lavori per la realizzazione della Torre Covid in Molise, unica Regione italiana a non aver a disposizione un centro Covid esclusivo. Ha suscitato non poche perplessità su come è stato gestito l’appalto, già a partire dalle procedure di individuazione dell’ATP incaricata della progettazione. Una storia che ha dell’incredibile con mancanze e progettualità carente, in quanto non rispondente agli standard richiesti alla gestione da parte di ASREM. Ancora oggi non si è completato l’iter di consegna dei lavori anche perché lo stabile risulta occupato da laboratori e da materiale da deposito.
Moliseweb ha interpellato il Consorzio di imprese aggiudicatario dell’appalto, accendendo i riflettori sull’intera vicenda. Interlocuzioni assenti, mai un tavolo tecnico, mai una presa di responsabilità che potesse dipanare una matassa inverosibilmente ingarbugliata. Si era perfino arrivati ad addebitare al Consorzio la mancanza di volontà di realizzare l’opera, con continui rimpalli di responsabilità e inesattezze. Secca la smentita dall’Amministratore del Consorzio Angelo Contessa: "la Torre Covid si farà,
siamo prontissimi a iniziare e a portare a termine nel più breve tempo possibile il progetto, nessuna richiesta di revisione prezzi". Appena dopo l’audizione in Consiglio regionale con i vertici della Sanità Molisana, qualcosa si è mosso. 

Per sgombrare ogni dubbio, l’impresa dichiara immediatamente di voler iniziare i lavori. Dopo qualche giorno l’Asrem, finalmente, convoca un tavolo tecnico, azione che potrebbe dare fine a questa odissea, incaricando la ditta appaltante ad iniziare i lavori. 

La missiva che convoca il Consorzio; il raggruppamento temporaneo di Professionisti c/o la capogruppo Mastellone di Castelvetere Engineering  srl;  l’EN3 srl, società di validazione;  il Responsabile Unico del Procedimento nella persona dell’Arch. Antonio Giuseppe Vetere; il Direttore S.C. Tecnico Manutentivo nella persona dell’ing. Sergio Casarella e il Presidente della Giunta Regionale, Donato Toma, cita testualmente : Vista la nota (….) ; Considerata l’urgenza per questa amministrazione di addivenire ad un definitivo chiarimento sulle questioni di rilievo, che stanno determinando un ritardo nella regolare prosecuzione del programma di interventi Convoca (….).

Il mare è ormai in tempesta e sarà difficile che si le sue acque si calmino presto. Noi saremo vigili e vi terremo informati già a partire da qualche minuto dopo il termine dell’incontro che avverrà a breve.