Termoli. Inaugurati 10 posti di terapia intensiva al San Timoteo

DIRETTA

160° anniversario dell'Unita' d'Italia: il messaggio del presidente Micone

In occasione del 160° anniversario della proclamazione dell'Unità d'Italia, il Presidente Salvatore  Micone ha dichiarato: 
“Sono trascorsi 160 anni dall’Unità della nazione italiana e dalla creazione di uno stato nazionale  libero e indipendente. L’unità della penisola fu la conclusione di un percorso storico, politico,  culturale e militare molto lungo, che vide l’impegno, a vario titolo e modo, delle forze più vive delle  società dei diversi stati in cui era diviso lo stivale, ma anche di progetti e strategie internazionali.  Molto si è scritto sul Risorgimento e su quanto di quelle idee realmente trovò compimento nel regno  d’Italia prima, e nella Repubblica italiana poi. Il dibattito storico-culturale resta ancora aperto su  come, in che misura e in quanto tempo lo Stato nazionale, nei suoi 160 anni di vita, sia riuscito a  soddisfare il primo dei suoi bisogni, come ebbe a sostenere Massimo D’Azeglio: “formare italiani  dotati d’alti e forti caratteri”. Ma è innegabile che nel secolo e mezzo trascorso, questo Paese posto al centro del Mediterraneo ha saputo svolgere un ruolo fondamentale nel progresso  dell’Europa e nel suo sempre aperto dialogo con le vicine Africa e medioriente, e in generale con il  resto del mondo. Molti, di diversa estrazione sociale e culturale, di differente credo religioso e  politico, sono stati, in questi lunghi e difficili anni della storia dell’umanità, gli italiani dotati di “alti e forti caratteri” che nei momenti più duri e drammatici della nazione (nelle guerre mondiali, nel  fronteggiare epidemie, terremoti, crisi economiche e sociali), ma anche in quelli più esaltanti e  pregevoli (relativi a scoperte scientifiche, produzioni letterarie e artistiche, eventi sportivi e  conseguimenti di traguardi nella valutazione della conquista del benessere sociale ed economico  complessivo dei vari strati della popolazione) si sono presentati alla ribalta, facendo la differenza e  indicando a tutti un esempio da seguire e la via da percorrere. Possiamo, guardando indietro, fare  nostre ancora oggi le parole di Francesco Saverio Nitti, grande meridionalista e uomo di stato, che  commemorando i primi 40 anni di vita dello stato italiani volle ricordare come “da tre secoli a  questa parte mai l'Italia è stata ciò che è ora: in quarant'anni (160 anni, possiamo dire noi oggi) di  unità, di questa unità che con le sue ingiustizie è sempre il nostro più grande bene, in quarant'anni  (160 anni, possiamo dire noi oggi) di unità, noi abbiamo realizzato progressi immensi. Noi non  eravamo nulla e noi siamo molto più ricchi, molto più colti, molto migliori dei nostri padri”. Senza  indulgere in retorici trionfalismi possiamo e dobbiamo riconoscere che realmente, dopo 160 anni,  pur con tanti problemi non risolti e molti nodi mai sciolti, questo nostro Paese ha consentito a tutti  noi di essere al passo con gli stati più avanzati del mondo, ci ha permesso di essere all’altezza della millenaria cultura che viene da quella fucina di civiltà che fu l’impero romano e dalla quella  immensa ricchezza spirituale che fu il Medioevo, cui seguì la calda e lunga estate dell’arte che fu il Rinascimento. Lo stesso Paese che ci consente di avere oggi una sanità che non lasci nessuno privo  di cure qualunque sia il suo ceto sociale, un sistema politico pluralista e una democrazia compiuta.  E tutto questo lo abbiamo avuto testimoniato, pur con le molte inefficienze e incongruenze, proprio  in questo momento di pandemia, nel quale il Paese ha saputo trovare negli ospedali, nei servizi  pubblici, di protezione civile e di forze dell’ordine, nei commercianti, negli autotrasportatori, nei  Sindaci e nel grande e variegato mondo del volontariato, tantissimi italiani di “alto e forte carattere” che ci hanno aiutato ad affrontare questa difficile prova. A questi va un grazie per quello che hanno  saputo fare e ancora faranno per tutti gli italiani. Ma va anche un grazie e una deferente  riconoscenza a tutti coloro i quali, in questi lunghi 160 anni, hanno gettato le basi sociali, valoriali,  culturali, spirituali, religiose e operative per creare una società capace di sviluppare una civiltà  evoluta in cui gli italiani di alto e forte carattere potessero nascere, formarsi e agire. Ritroviamo,  dunque, in questo giorno, la forza e la determinazione di gridare insieme, come fratelli di una sola nazione che vuole reagire all’ennesima prova che il destino le ha posto innanzi, i versi del giovane  Goffredo Mameli che compongono il “canto degli italiani”: Uniamoci, amiamoci, l'unione e l'amore  rivelano ai popoli le vie del Signore”.