Calenda assessora, Primiani: andrà a trattare materie che ha già rallentato in IV Commissione

TRA IL DIRE E IL FARE, C’È DI MEZZO… UNA POLTRONA! COSÌ COME TRA “FINIAMO QUESTO INDEGNO SPETTACOLO” E “SCRIVIAMO INSIEME UN NUOVO CAPITOLO”.
A scriverlo in un  post affidato ai social il Consigliere Regionale (M5S), Angelo Primiani.

«Inutile oggi sparare a zero sull’ormai ex ‘pasionaria’ Filomena Calenda. Mi limito però a farle notare una cosa: la sua presenza in Quarta Commissione non ha fatto altro che rallentarne i lavori.
Per i non esperti, la Commissione si occupa proprio di welfare, lavoro, politiche sociali. Le stesse competenze che si troverà a gestire da neo assessore. Tutte materie che, anche a causa della sua presidenza prima e dei continui cambi di ruolo poi, sono state trattate a singhiozzo. - sottolinea Primiani - Lo dico con cognizione di causa, perché sono anch’io in quella Commissione. Che ha già subito un cambio di presidenza: la consigliera, sedicente ‘dissidente’, si è dovuta dimettere per diventare vice-presidente del Consiglio regionale. Questo dopo i primi mal di pancia mostrati in ‘maggioranza’.
Ora dovrà dimettersi anche da membro semplice della stessa Commissione, che rallenterà ulteriormente i lavori in attesa che si trovi il suo sostituto.
In un’intervista di oggi la Calenda ha detto di avere “un minimo di competenze” nelle politiche sociali. Spero vivamente che riesca a mettere quel “minimo” in pratica, a differenza di quanto fatto finora in Consiglio regionale, tra un mal di pancia e l’altro.»