Giornata nazionale per le vittime da Covid. SOA: in Molise, oltre il silenzio, il vero rispetto oggi è la verità

«Non si aggiunga un'altra giornata dedicata sul calendario senza verità: è il caso del Molise, ad oggi a quasi 450 bare per le vittime da Covid, una terra piccola con un dolore grande. - a scriverlo in una nota il coordinatore del Sindacato Operai Autorganizzati (SOA), Andrea Di Paolo - Nostra intenzione è quella di continuare la lotta per il diritto alla salute insieme ai familiari delle vittime da Covid in Molise, soprattutto quando una morte poteva essere evitata, questo è un punto fermo. Il Covid purtroppo uccide ed è realtà, mentre la malasanità è un altro male da sconfiggere.

Le parate e le parole di circostanza servono ben poco a lenire il dolore per la morte di un familiare o di un caro amico se non c'è una solidarietà attiva con dei gesti concreti.

La politica oggi si assuma la responsabilità di quello che fa, le giornate ricordo, se restano solo emozionali, non servono: devono essere seguite dai fatti.» - conclude il SOA.