Dichiarazione choc di Contessa: "La Torre Covid non s'ha da fare, i vertici Asrem il vero Don Rodrigo"

"Questa torre Covid non s'ha da fare, il vero Don Rodrigo sono i dirigenti Asrem". Cosi in sintesi Angelo Contessa, Amministratore del Consorzio Stabile Build Scarl  intervistato da Maurizio Varriano questa sera davanti a Palazzo San Giorgio al termine di un incontro con l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberto Gravina. 

Ancora dichiarazioni choc da parte del responsabile del progetto della Torre Covid che non le manda certo a dire. "Oggi sono venuto a Campobasso - ha sostenuto - pensando di trovare novità, ma ad oggi 0. Il tavolo tecnico è finito con un nulla dfi fatto.  Ieri sera i tecnici hanno decretato che il progetto è difficilmente recuperabile e difficilmente cantierabile. Bisogna smettere di girarci intorno e qualcuno inizi ad assumersi le proprie responsabilità affidando il progetto a chi lo sa fare. Se ad oggi ancora non sono iniziati i lavori è perchè qualcuno ha sbagliato". 

Il romanzo che si sta scrivendo intorno al progetto della Torre Covid sembra quindi proprio ricalcare "I promessi Sposi" di Alessandro Manzoni dove  però alla fine il matrimonio tra Renzo e Lucia arriva sebbene dopo le lotte di Don Rodrigo e dei suoi bravi. Il finale di questo libro che è una pagina tristissima di attualità deve essere ancora scritto. E forse lo sarà dopo che la pandemia di Covid 19 perderà di forza e a questo punto si spera sia così per effetto del piano vaccinale. 

"Una cosa è certa- ha continuato ancora Contessa- che il 24 avremmo dovuto iniziare i lavori e bloccare la centrale operativa del 118. Tutto questo non è ancora avvenuto. I cittadini molisani non meritano tutto questo. Se una cosa non la si sa fare non la puoi inventare. Nel nostro consorzio sono io il responsabile e conosco utto quello che si deve fare. 

Tuttavia Contessa poi chiosa. "Non spetta a me dire questo lavoro non si fa - ha concluso-. la Torre Covid è ben strutturata dal punto di vista ospedaliero. Salvare le vite umane è importantissimo. Ma qui il vero Don Rodrigo sono i vertici Asrem". Vertici su cui la partita è ancora aperta. (Vivpiz)