Lutto Gambatesa. La sindaca a Toma e Florenzano: non ci siamo, si utilizzino tutte le risorse a disposizione

La sindaca di Gambatesa, Carmelina Genovese, esprime il suo cordoglio per la morte del giovane Daniele e lancia nuovamente un appello al Presidente della Regione Donato Toma e al direttore generale Asrem Oreste Florenzano, invitandoli ad utilizzare tutte le risorse a disposizione. Queste le sue parole: 
«La notizia del decesso per covid del giovane Daniele ha scosso nel profondo i nostri animi. La perdita della vita, qualunque sia l’età della persona, è sempre fonte di dolore. Il dato allarmante e non più accettabile, invece, è il numero dei morti per covid. Oltre 400 molisani hanno perso la vita per covid e tra questi vi sono ormai tanti giovani. Di fronte a tale evidenza abbiamo il dovere di reagire. Non possiamo rimanere in silenzio, il sistema sanitario regionale è in ginocchio. L’unica vera arma per arginare la pandemia è il vaccino. Dobbiamo fare in fretta, non c’è più tempo. - continua Genovese - Noi siamo pronti a fare la nostra parte se solo avessimo risposte da parte di chi è chiamato a gestire il piano vaccinale. Con nota dell’11.3.2021 abbiamo comunicato all’Asrem e alla Regione Molise la disponibilità del comune di Gambatesa a mettere a disposizione una struttura mobile per la somministrazione del vaccino e a garantire tutta la necessaria attività di supporto alla logistica tramite i volontari della Misericordia, già impegnati in varie attività di sostegno ai più fragili. Alcuni tra i medici di base operanti sul territorio hanno già aderito al protocollo di intesa tra la Regione Molise e le OOSS dei Medici di Medicina Generale, dichiarandosi disponibili ad effettuare la somministrazione in loco del vaccino. Ad oggi, però, nessuna risposta è pervenuta da parte di tutti i destinatari della missiva sopra richiamata e che si allega. So che non è il momento delle polemiche, ma non è accettabile che, di fronte al dramma che stiamo vivendo, la Regione Molise e l’ASREM neppure sentano il dovere di dare una risposta a chi si mette a disposizione per cooperare. È questo un atteggiamento che offende chi in prima persona sta vivendo il dramma della perdita dei cari ma anche tutti noi altri, esposti ogni giorno a rischio. Occorre una programmazione seria del piano vaccini, nella quale va assolutamente valorizzata la disponibilità dei comuni. Chiedo con forza un cambio di passo alla Regione Molise e all’ASREM. Disponete di apparati ben più sostanziosi di quelli in forza ai piccoli comuni, che vanno avanti grazie all’impegno personale degli amministratori. Metteteci nella condizione di cooperare per il bene di tutti e per porre argine a questa tragedia. Faccio appello al Presidente della Regione, al Direttore ASREM e a tutti coloro che in ambito sanitario hanno ruoli di responsabilità affinché si utilizzino in modo proficuo tutte le risorse a disposizione. Noi ci siamo. Ora tocca a voi. Non c’è più tempo da perdere» - conclude la sindaca.