"Non ho mai amato la protesta, ma il movimento «Cacciamoli» che in questi giorni sta animando il dibattito politico regionale, coglie il profondo senso di disagio e insofferenza delle persone verso l’attuale classe dirigente".
Lo ha dichiarato in un post facebook il sindaco di Vinchiaturo Luigi Valente e coordinatore di Azione, il partito che a livello nazionale fa riferimento a Carlo Calenda.

"Sono d’accordo con loro e «faccio il tifo» per loro,- ha sostenuto-  anche se abbiamo visto che non è affatto facile cacciarli perché non hanno alcun senso del pudore e perché mettono in scena ogni più vergognoso teatrino pur di rimanere su quegli scranni. Tuttavia, una cosa è davvero importante, forse più importante di cacciarli.
Quando andranno via bisognerà ricostruire e rilanciare la nostra terra e non si potrà fare con persone senza competenze, senza amore per l’amministrazione del territorio, senza il giusto rigore morale e reale passione politica. Per questo, che oltre a pensare a come cacciarli (anche se difficilmente andranno via prima del 2023), bisogna pensare a come sostuirli; come creare un progetto di gestione della cosa pubblica con persone capaci ed attive non più con urlatori professionisti, con persone competenti ed umili non più con egocentrici arroganti.
Bisogna cacciarli, ma soprattutto poI sostiuiamoli bene
"