Nasce il progetto "la Divina Commedia in 100 borghi"

Nella sala del Consiglio comunale del Comune di Macchiagodena, alla presenza del sindaco, Felice Ciccone, e dell'attore e poeta Matteo Fratarcangeli ha avuto luogo la presentazione del progetto "La Divina Commedia in 100 borghi".
«Per il Comune di Macchiagodena questa di Dante e per Dante è una sfida bella, affascinante e importante - ha esordito il primo cittadino, Ciccone - il progetto nasce dall'obiettivo di fare cultura nei nostri piccoli borghi, di trasmettere sapere in altre realtà. La cultura, di solito, arriva nei piccoli paesi "mandata" dai centri, ma noi vogliamo invertire questa tendenza e fare sì che un piccolo borgo, nel nostro caso Macchiagodena, porti gli eventi culturali e la lettura anche in aree territoriali più importanti e più centrali. Ma con la mia Amministrazione abbiamo pensato anche a un progetto più ampio: vogliamo promuovere l'intero territorio molisano con il turismo fondato sulla cultura, in particolare di élite, che fa bene alle nostre aree. Il visitatore non deve essere quel semplice turista che arriva da noi solamente per qualche ora, ma deve venire a vivere qui per diversi giorni e beneficiare della vita quotidiana della nostra gente, condividendola pure, e del nostro patrimonio culturale».
 Il sindaco non ha mancato di ringraziare la Regione Molise, che ha concesso il patrocinio, ricevuto anche dal Consiglio regionale del Lazio. Riconoscimenti pubblici di Ciccone anche per Borghi della Lettura e Borghi Autentici, che seguono e sostengono sempre le iniziative culturali del Comune di Macchiagodena.
Macchiagodena, Colle d'Anchise, Ururi, Montagano, Capracotta e Pizzone, per quanto riguarda il Molise, i comuni presso i quali si potrà incontrare il Dante-Fratarcangeli ed immergersi nelle Cantiche, tutte paradisiache.
«Il progetto “La Divina Commedia in 100 borghi” inizierà il 28 aprile e terminerà il 5 agosto 2021 - ha annunciato l'attore Fratarcangeli - attraverserò in cento giorni tutta la Penisola e, leggendo l'Opera di Dante Alighieri, visiterò tutte le regioni. La Divina Commedia insegna che ricordare Dante è viaggiare nella nostra cultura e nella nostra inimitabile lingua italiana. Il Dantedì non è un punto di arrivo ma un punto di partenza».
Anche Vincenzo Cotugno, vicepresidente della Regione Molise e assessore alla Cultura e al Turismo, si è detto contento dell'iniziativa: «A 700 anni dalla morte di Dante Alighieri una grande e bella iniziativa quella che vede la Divina Commedia girare nell'Italia dei borghi. Macchiagodena è in questa iniziativa, noi ci siamo col plauso e il patrocinio. Il 22 giugno saremo tutti a Macchiagodena a fare il tifo per il Molise e per il paese isernino. Una grande occasione per mettere in vetrina le bellezze di un borgo storico, ma anche tutti i beni della nostra regione: prodotti enogastronomici, storia e paesaggi. Saremo sempre vicino ai Comuni che partecipano per la nostra regione».